Surrogazione reale: cos’è? Quali vantaggi offre?

Surrogazione reale definizione

In un senso generico la parola surrogazione indica una sostituzione. L’azione di surrogare è, infatti, quella con cui una persona o una cosa subentra al posto di un’altra. Sebbene non sia possibile una costruzione sistematica unitaria di tutti i casi di surrogazione contemplati dal diritto privato è possibile distinguere la personale da quella reale.

La surrogazione reale è la sostituzione giuridica di un bene con un altro, per effetto della quale il bene subentrante è sottoposto allo stesso regime applicato a quello di cui ha preso il posto. Già noto al diritto romano, il concetto di surrogazione reale è stato oggetto di profonde indagini da parte della dottrina moderna, che ha escluso il carattere di finzione giuridica che in precideva veniva posto alla base dell’istituto.

Cos’è la surrogazione reale e come viene utilizzata

La surrogazione reale viene principalmente utilizzata per i beni sottoposti a una speciale destinazione (ad esempio beni dotali, o beni oggetto di una donazione modale) e per i complessi di beni, o patrimoni, soggetti a restituzione.

Nello specifico la surrogazione reale trova particolare impiego nel settore dei finanziamenti, poiché determina l’ingresso di un soggetto nei diritti del creditore verso un debitore. Per questo tipo di utilizzo il Codice Civile prevede tre tipologie di surrogazione reale: per volontà del creditore (art. 1201) per volontà del debitore (art. 1202) e per effetto della legge (art. 1203).

Mutuo surrogazione reale significato

Ma in cosa consiste la surroga di un finanziamento? La surrogazione consente al soggetto, che interviene nel rapporto tra creditore e debitore per estinguere il debito, di subentrare a tutti gli effetti al posto del creditore stesso.

In altre parole, se un cittadino contrae un mutuo con una banca, si instaura tra i due soggetti un rapporto di tipo debitore-creditore. La surrogazione del mutuo prevede l’intervento di un altro istituto di credito che estingue il debito del richiedente pagandone direttamente il prezzo alla banca originaria e allo stesso tempo diventa il nuovo creditore del mutuatario. Si verifica quindi un vero e proprio trasferimento del mutuo, che passa da una banca all’atra.

È chiaro che la surroga consente al soggetto subentrante (nel nostro esempio il secondo istituto di credito) di avere una posizione di supremazia rispetto al debitore, poiché può pretendere la prestazione che prima spettava al creditore (banca originaria).

In merito si è espressa più volte la Corte di Cassazione che con la sentenza n. 2962/2013 ha precisato che per ottenere la surrogazione reale non basta aver pagato il debito altrui, ma è condizione necessaria che questo pagamento sia giustificato da precedenti rapporti tra il debitore e l’istituto subentrante.

(Pubblicità e Link Sponsorizzati)

 

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Surroga mutuo tempi minimi e costi aggiuntivi Surroga mutuo tempi minimi e costi aggiuntivi: guida al credito. Sempre più di frequente, dopo l’accensione di un mutuo con un istituto bancario, il debitore desidera cambiare banca e surrogare quindi il mutuo contratto con il nuovo istituto. Ma dopo...
Domanda mutui di surroga, un trend in rapida crescita Domanda mutui di surroga, un trend in rapida crescita. Nel corso del primo trimestre 2014 è in rapido sviluppo l’interesse dimostrato dal pubblico nei confronti della surroga, merito anche di una situazione che ha condotto a una contrazione degli spr...
Mutuo online, come funziona? Quali vantaggi offre? Mutuo online calcolo: come valutare le alternative La rivoluzione digitale ha coinvolto molti ambiti della vita quotidiana ed economica. Ha sortito i suoi effetti anche nel sistema creditizio, principalmente con l’istituzione dei mutui online. Quest...
Tasso fisso o variabile: pro e contro, ecco quale scegliere Mutuo a tasso fisso o variabile: il calcolo La scelta più importante che chi intende stipulare un mutuo è chiamato a compiere riguarda la natura del tasso. La domanda è sempre la stessa: tasso fisso o variabile? La decisione influisce in maniera net...
Quando richiedere il rifinanziamento mutuo? Rifinanziamento mutuo: cos'è? Quando conviene? Il rifinanziamento del mutuo consiste nell'estinzione del debito contratto, che viene sostituito con un nuovo finanziamento sottoscritto presso un diverso istituto di credito. Rifinanziare un mutuo perm...
Mutuo cartolarizzato: ecco di cosa si tratta e perché è vantaggioso per le banch... Cos’è un mutuo cartolarizzato? Quando si utilizza questo termine si inquadra un mutuo monetizzato da un istituto di credito prima della naturale scadenza del finanziamento. La suddetta operazione, conosciuta con il nome di cartolarizzazione, viene co...
surrogazione reale