Trasferimento mutuo su altro immobile: come ottenerlo

Come eseguire un trasferimento del mutuo su altro immobile

Quando ci si trova a dover cambiare casa senza aver rimborsato completamente il mutuo acceso sull’abitazione precedente, si rischia di doverlo estinguere anticipatamente e aprirne un altro, per finanziare l’acquisto del nuovo immobile. Un’operazione molto dispendiosa, soprattutto per quanto riguarda i costi associati all’accensione di un nuovo finanziamento e contestuale ipoteca immobiliare.

Per evitare di incorrere in tali spese è possibile trasferire il mutuo da un immobile all’altro. Stipulando con la banca un accordo di sostituzione di garanzia, infatti, il mutuatario può continuare a rimborsare il finanziamento originario senza interruzione, spostando l’ipoteca sull’immobile oggetto del nuovo mutuo.

Il contratto di sostituzione di garanzia deve essere redatto da un notaio (che si occuperà anche delle formalità ipotecarie), e il beneficiario dovrà quindi provvedere al pagamento dei relativi oneri. Attivando una pratica per il trasferimento mutuo su altro immobile il cliente potrà però evitare di pagare le eventuali penali per l’estinzione anticipata del mutuo e l’imposta di bollo, che altrimenti sarebbe stata dovuta per il nuovo finanziamento.

Trasferimento mutuo su altro immobile: cosa comporta per il piano di rimborso

È bene precisare che il trasferimento dell’ipoteca non comporta alcuna modifica delle condizioni di rimborso del credito. Piano di ammortamento e interessi applicati rimarranno inalterati, e il cliente continuerà a rimborsare il mutuo in corso mantenendo lo stesso debito residuo.

Ovviamente la può avvenire solo con l’istituto di credito originario e non è quindi possibile surrogare il finanziamento presso un’altra banca o finanziaria. Tuttavia se si desira ottenere condizioni di rimborso più vantaggiose è possibile richiedere alla propria banca la rinegoziazione del mutuo. Una pratica che permette di rivedere tasso di interesse, spread e durata del mutuo, e che può essere condotta senza ricorrere ad un notaio.

Per rinegoziare un mutuo, infatti, è sufficiente uno scambio di corrispondenza tra banca e cliente. La modifica delle condizioni però può avvenire solo se entrambe le parti sono concordi.

Quando non è possibile trasferire mutuo esistente su altro immobile
Ritornando al trasferimento mutuo su altro immobile è bene precisare che nonostante si tratti di una pratica consentita, il richiedente potrebbe incontrare delle difficoltà. Nono tutti gli istituti bancari infatti dispongono di una bozza di contratto adeguata a questo tipo di pratica.

Come molti sapranno, gli istituti di credito sottoscrivono solo testi analizzati e approvati dal propri uffici legali, che non sempre dedicano attenzione a formule con un limitato valore commerciale per la banca. In altre parole se l’istituto presso il quale si è sottoscritto il mutuo non dispone della bozza di contratto, il trasferimento dell’ipoteca risulterà, quasi sicuramente, una via impercorribile.

(Pubblicità e Link Sponsorizzati)

 

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Spese acquisto prima casa: tutte le voci da considerare Le spese acquisto prima casa devono essere analizzate con attenzione, dal momento che riguardano un investimento fondamentale nella vita di una singola persona o di una famiglia. Calcolo mutuo prima casa: da dove partire? Per calcolare le spese acq...
Surroga mutui per Aziende: esiste? È un’Operazione Gratuita? Surroga mutui per aziende: esiste? È un’operazione gratuita? La portabilità del mutuo è rappresentata dalla possibilità da parte del cliente di trasferire il mutuo da una banca a un’altra, conseguendo in tal modo condizioni migliori. Abbiamo a che fa...
Surroga mutuo: cos’è e come funziona La ben nota Legge Bersani, del 2007, ha introdotto nella legislazione italiana il concetto di Portabilità del mutuo. Qualsiasi soggetto abbia in essere un mutuo ipotecario può richiedere alla banca che lo ha emesso di essere surrogata da un altro Ist...
Euribor in negativo a -0,06: come sfruttarlo per risparmiare L’Euribor in negativo, i vantaggi per i mutuatari Come molti sapranno i tassi di interesse applicati a prestiti e mutui sono il risultato di più fattori combinati tra loro. Nello specifico, per i mutui a tasso variabile l’interesse dipende dall’indi...
Mutuo cartolarizzato: ecco di cosa si tratta e perché è vantaggioso per le banch... Cos’è un mutuo cartolarizzato? Quando si utilizza questo termine si inquadra un mutuo monetizzato da un istituto di credito prima della naturale scadenza del finanziamento. La suddetta operazione, conosciuta con il nome di cartolarizzazione, viene co...
Surroga del mutuo: cos’è e come funziona? Surroga del mutuo conviene? La surroga del mutuo è di grande attualità, ma cos’è esattamente e quali sono i maggiori vantaggi associati a questa scelta? Scopriamolo insieme nel nostro nuovo approfondimento. La questione della surroga o portabilit...
trasferimento mutuo su altro immobile