Agevolazioni prima casa: come risparmiare

Le agevolazioni prima casa rappresentano un canale di risparmio notevole per quanto riguarda l’Iva e altre imposte che gravano sulle operazioni di compravendita.

Risulta possibile accedere a tali vantaggi a fronte del soddisfacimento di determinati requisiti.

Prima casa: ecco le agevolazioni più importanti

Quali sono le principali agevolazioni prima casa? Prima di elencarle è importante ricordare che variano a seconda che si scelga di acquistare l’immobile dal costruttore oppure da un proprietario privato.

  • Agevolazioni in caso di acquisto dall’impresa costruttrice: Iva al 4% (quindi ridotta rispetto al 10), imposta catastale e imposta ipotecaria in misura fissa pari a 200€ cadauna.
  • Agevolazioni in caso di acquisto da proprietario privato: imposta di registro al 2%, imposta ipotecaria e imposta catastale in misura fissa pari a 50€ cadauna.

Importante è ricordare che le succitate agevolazioni, con i limiti di categoria imposti dalla legge, vengono applicate anche alle pertinenze come box e cantine e all’acquisto della nuda proprietà.

Acquisto prima casa: alcune spese detraibili

Tra le agevolazioni prima casa è possibile ricordare anche la possibilità, in caso di acquisto dell’immobile tramite agenzia, di detrarre dall’Irpef il 19% della commissione corrisposta come compenso, questo a patto che non sia complessivamente superiore a 1.000€.

La succitata detrazione, nel caso in cui l’acquisto dovesse coinvolgere più proprietari, deve essere ripartita tenendo conto delle percentuali di proprietà.

Agevolazioni acquisto prima casa: i requisiti per usufruirne

Esistono ovviamente dei requisiti fondamentali per usufruire delle agevolazioni prima casa.

L’acquirente può avvalersi dei già ricordati vantaggi a condizione che:

  • Non risulti proprietario nel medesimo Comune di un altro immobile legalmente utilizzabile come abitazione (anche se la proprietà è in comune con un coniuge o con un parente).
  • Non sia titolare di diritto di usufrutto, uso o abitazione su un altro immobile sito nel medesimo Comune dove si trova la casa che intende acquistare.
  • Non abbia già usufruito – anche se per quote – delle suddette agevolazioni per un altro immobile sito sul territorio nazionale.
  • L’immobile oggetto dell’acquisto sia nel Comune dove ha la residenza (in caso da stabilire entro 18 mesi dall’acquisto) o dove svolge la propria attività lavorativa.
  • L’immobile non sia considerato di lusso.

Se l’acquirente è un italiano residente all’estero decadono ovviamente i vincoli territoriali, ma l’immobile deve rappresentare la prima casa in assoluto comprata in territorio italiano.

Spese acquisto prima casa: altre informazioni sulle agevolazioni

Per avvalersi delle agevolazioni prima casa non è determinante che l’immobile sia adibito ad abitazione principale. Il proprietario ha infatti facoltà di darlo in uso a familiari o a terzi.

Al personale delle Forze Armate e delle Forze di Polizia non è richiesta la residenza nel Comune dove è ubicato l’immobile che si intende acquistare avvalendosi delle agevolazioni per la prima casa.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Mutuo cointestato vantaggi e rischi per il cliente Cointestazione mutuo: una buona alternativa Il mutuo cointestato rappresenta un’arma a doppio taglio, un prodotto finanziario in grado di risolvere qualche problema, ma anche di creane di altri. I pregi, in particolare, sono due. In primo luogo, con...
Rinegoziazione mutui 2015: Quali le scadenze per accedere? Cos’è la rinegoziazione mutui 2015 CDP Lo slittamento in Consiglio dei Ministri del decreto relativo agli enti locali e le varie richieste avanzate dai Comuni e Città metropolitane interessati, hanno convinto la Cassa Depositi e Prestiti a prorogare...
Surroga mutuo penale estinzione anticipata: la normativa Penale estinzione anticipata mutuo per surroga Introdotta nel 2007 e successivamente integrata nel 2008 comunemente conosciuta come Legge Bersani la surroga consente di trasferire il proprio mutuo ipotecario da una banca ad un’altra modificando così...
Mutuo BNL Affitto Più: Come funziona e recensioni Per chi non sa decidersi tra la scelta di richiedere un mutuo a tasso fisso o un mutuo a tasso variabile, la BNL mette a disposizione un nuovo prodotto di tipo intermedio, che risponde per la prima volta alle esigenze di questa utenza: il Mutuo BNL A...
Tempi surroga mutuo: dopo quando si può richiedere? Tempi surroga mutuo: dopo quando si può richiedere? Non abbiamo dei tempi minimi prima di poter ottenere la surroga del mutuo. Alcuni istituti di credito, tuttavia, possono prevedere il pagamento di almeno sei rate per appurare l’affidabilità del cli...
Quando richiedere il rifinanziamento mutuo? Rifinanziamento mutuo: cos'è? Quando conviene? Il rifinanziamento del mutuo consiste nell'estinzione del debito contratto, che viene sostituito con un nuovo finanziamento sottoscritto presso un diverso istituto di credito. Rifinanziare un mutuo perm...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *