Cambiare mutuo: quali strumenti disponibili?

Cambiare mutuo banca: come rendere più conveniente il mutuo?

Lo scenario economico è in costante mutamento e ciò rende più conveniente ora un mutuo a tasso fisso, ora uno a tasso variabile o misto, in base al frangente considerato. Per questa ragione può risultare conveniente cambiare mutuo per una soluzione che presenti costi inferiori. Vediamo quali sono gli strumenti a disposizione del cliente per cambiare banca o ridefinire il piano di rimborso.

Cambiare mutuo conviene: tutte le opzioni disponibili

Qualora il mutuo risulti eccessivamente costoso è possibile ridurne l’impatto grazie alla rinegoziazioni delle condizioni applicate dalla banca erogatrice oppure sostituirlo mediante un nuovo mutuo con l’estinzione di quello in corso.

Un’altra opzione disponibile è costituita dalla surroga, ovvero il trasferimento del mutuo verso un nuovo istituto di credito che dispone di tassi di interesse più convenienti oppure condizioni più favorevoli. Vediamo in dettaglio tutte le alternative e le loro principali caratteristiche:

  • Rinegoziazione: si realizza con l’operatore con cui si è stabilito il mutuo. L’intervento si realizza con scrittura privata, senza l’intervento del notaio. Si può modificare la durata del prestito, spread, tipo di tasso. Non vi sono costi da sostenere.
  • Sostituzione: si realizza con un nuovo operatore rispetto a quello con cui si è sottoscritto il mutuo. La sostituzione si determina mediante atto pubblico difronte a un notaio. Si può intervenire modificando la durata, lo spread e il tipo di tasso. I costi sono: penale di estinzione del vecchio mutuo; imposta sostitutiva sul nuovo mutuo; cancellazione e iscrizione ipoteca; istruttoria e perizia; atto di mutuo.
  • Surroga: è definita con un nuovo operatore. Anche in questo caso abbiamo un atto pubblico, ma a carico del nuovo operatore. Si può modificare durata, spread e tipo di tasso. C’è da pagare solo una tassa ipotecaria di 35 euro.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Surroga mutuo tasso fisso e gli interventi della BCE Surroga mutui: gli unici a crescere veramente Grazie al cambiamento del contesto finanziario, il credit crunch potrebbe essere presto sconfitto. Il termometro per eccellenza, in questi casi, è rappresentato dal mercato immobiliare e nella fattispeci...
Mutui di surroga 2015: domande ancora in crescita Mutui di surroga 2015: perché scegliere la surroga La surroga ha registrato un grande apprezzamento in termini di richieste nell’ultimo anno e mezzo. Merito di una riduzione dei tassi determinata dalle nuove politiche monetarie della BCE (Banca Cent...
Come calcolare rata mutuo: quali fattori prendere in esame? Come calcolare rata mutuo Prima di richiedere un mutuo è consigliabile confrontare tra loro più preventivi per trovare quello più conveniente. Per avere un'idea chiara di quelli che saranno i costi effettivi del mutuo oltre a controllare i tassi di ...
Rinegoziazione mutuo prima casa Cos’è la rinegoziazione mutuo prima casa Con la crisi economica sono in molti i contribuenti che non riescono più a sostenere le rate del mutuo per la prima casa. Nasce da qui la necessità di modificare le condizioni di rimborso, che lo scorso anno ...
Surroga mutuo limiti e interrogativi più frequenti Surroga mutuo limiti sostituzione: quali le differenze con la sostituzione? La surroga è una materia complessa, frequente oggetto di equivoci. Un primo distinguo è la sua differenza tra surroga e sostituzione. In termini tecnici, la sostituzione del...
Surroga mutuo prima casa detrazione interessi Surroga mutuo prima casa detrazione interessi: come funziona? Gli oneri correlati a un mutuo possono ridursi con l’impiego delle detrazioni cui può fruire il beneficiario della linea di credito accordata. Vediamo quali i costi che si possono detrarr...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *