Sostituzione del mutuo

Come valutare la sostituzione del vecchio mutuo?

Cerchiamo di porre in evidenza quali elementi sono da prendere in esame per decidere l’effettiva convenienza del mutuo oppure la potenziale sostituzione.

Valutare la sostituzione del vecchio mutuo: Euribor e Irs. Due degli elementi cruciali per la definizione dei tassi di interesse, siano essi variabili o fissi, sono rappresentati da Euribor e Irs. In base al periodo di mercato, i valori di tali indici possono determinare come vantaggioso un tasso fisso oppure uno variabile.

Tasso di interesse del mutuo

Il tasso di interesse del mutuo è influenzato, oltre che da Euribor e Irs, anche dallo spread. Grazie a uno spread più basso andremo a ridurre l’importo delle rate nonché la spesa per gli interessi passivi. Non possiamo poi trascurare la durata del mutuo. Essa permette di modificare in modo significativo l’entità delle rate e gli interessi. All’incrementare della durata abbiamo una contrazione dell’importo delle singole rate, anche se dovremo sostenere interessi nel complesso maggiori.

Ogni Istituto di credito applica inoltre delle spese aggiuntive, gran parte delle quali devono essere pagate periodicamente per l’intera durate del mutuo. Considerate con attenzione l’offerta, così da poter ridurre questo capitolo di spesa.

Il rimborso per la surroga del mutuo

Modificando oppure sostituendo il proprio mutuo è possibile scegliere l’importo oggetto del rimborso. Qualora si scelga una restituzione anticipata del capitale, gli oneri per gli interessi saranno più contenuti. Se invece scegliamo di richiedere una liquidità aggiuntiva rispetto al capitale residuo, avremo a disposizione una somma per le proprie necessità.

Chi vuole migliorare le condizioni applicate al proprio mutuo, potrebbe optare per la rinegoziazione, ossia al ridefinizione di uno o più parametri del mutuo con la medesima banca che lo ha erogato.

Non è facile però conseguire delle modifiche adatte alle proprie esigenze. Una valida alternativa è costituita dalla sostituzione del mutuo, che permette di selezionare nuove condizioni e caratteristiche del mutuo.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Mutuo surroga Bancoposta: spread al 2,20% fino al 30 novembre Mutuo surroga: i vantaggi di questo importante strumento Dopo qualche anno di profonda depressione, il sistema creditizio italiano registra segnali di ripresa. Risultato espressione, in larga parte, del successo raccolto dagli interventi di surroga....
Carisbo Banca: le offerte di mutui per acquisto e surroga Carisbo Mutuo Domus: quali le caratteristiche? Banca Carisbo (Cassa di Risparmio di Bologna) offre mutui ipotecari con finalità abitativa o di surroga a tasso fisso o variabile. Scegliendo Mutuo Domus, questo il nome del prodotto, il cliente può str...
Mutuo surroga più liquidità Mutuo surroga più liquidità: perché scegliere la surrogazione La rata del vostro mutuo non è più conveniente? Per trasferire il finanziamento presso un nuovo istituto bancario che fornisce condizioni più vantaggiose la soluzione si chiama surroga. U...
Surroga Mutuo e Spese Notarili: ci sono Costi da sostenere? Surroga Mutuo e Spese Notarili: ci sono Costi da sostenere? La surroga mutuo è un intervento che consente di cambiare un mutuo senza alcun costo. Grazie alla portabilità dell’ipoteca, infatti, possiamo cambiare il proprio mutuo attivandone al suo pos...
Surroga mutuo tasso fisso Deutsche Bank Surroga mutuo tasso fisso Deutsche Bank: cosa significa surrogare un mutuo La surroga o portabilità del mutuo è l’operazione che consente di trasferire il mutuo ipotecario dalla banca originaria a una nuova che si fa carico del debito residuo. Sebbe...
Surroga legale: cos’è e come funziona? Surroga legale ipoteca: di cosa si tratta? L’intervento di surrogazione è reso possibile grazie all’articolo 1201 e ss. c.c.. Questo permette una successione a titolo particolare nel diritto di credito. Sono tre le ipotesi di surrogazione previsti: ...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *