Finanziamenti a Fondo Perduto: Quali attività posso aprire?

Finanziamento a Fondo Perduto: Che cos’è?

Il finanziamento a fondo perduto è un erogazione di capitali simile ad uno bancario con la differenza che il ricevente del prestito non fornisce garanzie per ottenere il prestito ma bisogna rientrare tra le caratteristiche delineate dal bando del prestito, inoltre parte o la totalità dell’erogazione non viene restituita all’emittente. Sembrerà strano ma esiste un modo per reperire fondi a tassi nulli o bassissimi e senza restituzione in parte o totale dell’erogazione.

Facciamo un pò di chiarezza, il finanziamento a fondo perduto prevede:

  • Per riceve il prestito il richiedente, inteso come soggetto economico, deve possedere delle particolari caratteristiche;
  • Parte o la totalità del finanziamento può essere restituita;
  • tassi d’interessi sono nulli o bassi, senza scende nel calcolo finanziario il tasso può essere negativo in caso di fondi a perduto;
  • Lo scopo di quest’ultimi è quello di sviluppare il territorio.
  • Per ottenere il prestito non bisogna fornire garanzie ma avere una serie di requisiti, che possono essere l’età, la zona in cui si trova l’impresa, il sesso dei soggetti facenti parte dell’organizzazione o la tipologia di attività.

Finanziamenti a Fondo Perduto Invitalia: Come funzionano?

Per comprendere meglio la dinamica generale dell’erogazione dei finanziamenti a fondo perduto crediamo sia logico partire da una analisi, anche se superficiale, dei finanziamenti erogati da uno degli enti più importanti del settore. Invitalia o meglio Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, è l’ente più conosciuto che si occupa di finanziamenti per lo sviluppo del territorio, favorisce l’occupazione e l’innovazione attraverso bandi che offrono contributi a fondo perduto.

Ma vediamo un pò i numeri d’Invitalia al primo ottobre:

  • 72 Contratti di Sviluppo conclusi;
  • 113.049 finanziamenti per l’Autoimpiego;
  • 702 Startup innovative create;

La proprietà dell’ente è del Ministero dello Sviluppo Economico, Mise, e genera un fortissimo impatto economico sul reddito nazionale del paese e sull’occupazione. Vediamo come funzionano i bandi e quali attività si possono finanziare. Con il progetto Cultura Crea si finanziano imprese a carattere sociale e culturale, Onlus gia nate da non più di 36 mesi o team di persone intenzionate ad avviare entro 30 giorni dalla comunicazione un’attività d’impresa.

Oltre una serie di dichiarazione da fare per partecipare al bando bisogna realizzare un business plan, un piano economico finanziario e fornire i curriculum dei soci fondatori. Il bando Smart e Start finanzia società neo-costituite da non più di 48 mesi con la caratteristica che i servizi svolti siano a carattere tecnologico ed innovativo. La procedura è sempre la stessa per ottenere il finanziamento mentre per le tipologie di finanziamento è previsto un 20 % dell’investimento a titolo di fondo perduto se la società ha sede in alcune regione del sud, tra cui Campania, Basilicata e Calabria, un mutuo a tasso zero, ebbene si senza interessi, fino al 70 % dell’investimento o 80 % se la start up è formata da giovani sotto i 35 anni o esclusivamente da donne.

Il bando Nuove imprese a tasso zero prevede la creazione di nuove imprese di tipo micro e piccole, attraverso un finanziamento a tasso zero del 75% delle spese per l’investimento e con destinatari giovani con un’età compresa tra i 18 e i 35 anni o donne.

Fondi per l’Occupazione Giovanile: Quali sono?

Grande interesse e successo hanno procurato i progetti di Selfiemployment, Autoimprenditorialità e di Autoimpiego. Questi progetti hanno come scopo quello di aumentare l’occupazione attraverso dei fondi erogati a giovani disoccupati finalizzati all’inserimento nel mondo del lavoro. Vediamo in concreto di cosa si tratta.

Selfiemployment prevede dei finanziamenti rivolti a giovani iscritti al progetto garanzia giovani con età inferiore a 29 anni che vogliono avviare un’attività imprenditoriale. I fondi sono gestiti da Invitalia sotto supervisione del Ministero del Lavoro con lo scopo di erogare finanziamenti a tasso zero. Il bando dell’Autoimprenditorialità prevede finanziamenti per giovani e donne che vogliono avviare piccole e micro imprese con attività rientrate nel settore dell’agricoltura e dell’allevamento.

Il bando prevede un allegato con la definizione precisa delle attività finanziabili rientranti nel settore primario. Il programma di finanziamenti per l’Autoimpiego prevede il finanziamento più che dell’attività di soggetti che avvieranno l’impresa o la micro impresa attraverso una serie di erogazioni di aiuti finanziari a giovani e donne disoccupati delle regioni del sud.

Contratti di Sviluppo: Cosa sono?

I contratti di sviluppo per il maggior rilievo economico e finanziario meritano un cenno. L’importo minimo finanziabile è di 20 milioni di euro ridotti a 7.5 milioni per le azienda del settore agricolo e del turismo. Tali contratti hanno una procedura di richiesta simile a tutti gli altri finanziamenti anche se hanno un focus selettivo maggiore a causa dell’imponenza degli investimenti.

I contratti sono dedicati a grandi comparti industriali ma sono estesi anche al settore terziario e a quello agricolo. I contratti sono volti allo sviluppo delle aziende e al miglioramento tecnico economico delle suddette attraverso l’iniezione dei capitali.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Surroga mutui on line, la procedura per richiederla Surroga mutui on line: differenze con la surroga tradizionale Il mercato dei finanziamenti online propone molte più offerte rispetto a quello tradizionale e di solito, considerata la maggiore facilità con cui è possibile raffrontare i prodotti, i ta...
Spese acquisto prima casa: tutte le voci da considerare Le spese acquisto prima casa devono essere analizzate con attenzione, dal momento che riguardano un investimento fondamentale nella vita di una singola persona o di una famiglia. Calcolo mutuo prima casa: da dove partire? Per calcolare le spese acq...
Crisi greca: quali sono gli scenari per il mercato mutui? Mutui: i rischi con la crisi greca La crisi greca ha gettato per qualche settimana i mercati nello scompiglio, soprattutto in quei momenti caratterizzati da una perdita di fiducia e dalla convinzione che un accordo tra ellenici e creditori sarebbe s...
Confronta mutui surroga: le offerete più convenienti Confronta mutui surroga: perché sceglierli È il volano del mercato mutui, uno strumento finanziario gratuito che garantisce risparmio. La surroga del mutuo consente infatti ai mutuatari di trasferire il proprio finanziamento presso un nuovo istituto...
Rinegoziazione mutui 2015: Quali le scadenze per accedere? Cos’è la rinegoziazione mutui 2015 CDP Lo slittamento in Consiglio dei Ministri del decreto relativo agli enti locali e le varie richieste avanzate dai Comuni e Città metropolitane interessati, hanno convinto la Cassa Depositi e Prestiti a prorogare...
Rinegoziazione prestito: in cosa consiste? Rinegoziazione prestito: in cosa consiste? La rinegoziazione di un prestito è la pratica finanziaria che permette di ridefinire un contratto nelle sue condizioni. La rinegoziazione può essere effettuata esclusivamente tra le due parti che avevano ori...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *