Limiti surroga mutuo: gli impedimenti delle banche

Limiti surroga mutuo: gli impedimenti delle banche. Non sempre la concorrenza è benaccetta in ambito bancario, ne costituiscono un’attestazione gli atti di ostruzionismo compiuti nei confronti della legge Bersani 2007, che ha introdotto la portabilità gratuita. Le banche italiane, infatti, cercano di porre i bastoni fra le ruote ai clienti che vogliono procedere con la surroga del mutuo.

La surroga permette di spostare il mutuo presso un nuovo istituto di credito, senza per questo estinguendo l’ipoteca ma accedendo a una nuova. Non sono previsti costi notarili o di altra sorta. La nuova banca va a sostituirsi a quella di origine nel contratto.

Secondo una recente indagine condotta da Altroconsumo, che prende in esame 181 agenzie dei principali istituti di credito in 9 città italiane, si pongono in evidenza le tecniche delle banche per far demordere il cliente dalle sue intenzioni.

Limiti surroga mutuo: i responsi delle banche. In ben 15 occasioni non è stata compiuta alcuna surroga e in altri 9 sportelli è stata proposta la sostituzione al posto della surroga. Due operazioni molto diverse, con la sostituzione le spese sono interamente a carico del cliente.

Le restanti 157 agenzie prevedono l’opportunità di surroga, ma sono applicati diversi ostacoli, facendo pagare al cliente ciò che invece dovrebbe risultare gratuito. In 59 casi è stata richiesta la sottoscrizione di una nuova polizza vita per il mutuatario, piuttosto che il più semplice cambiamento del beneficiario nell’eventualità di morte dell’assicurato.

In 17 sportelli sono state richieste le spese di perizia e istruttoria, nonostante la surroga non preveda nessun nuovo contratto. In altri sette casi al cliente sono chieste le spese bancarie che dovrebbero essere rimborsante dopo la conclusione del processo di surroga.

Sono tutte circostanze che si configurano come violazione della legge, che prevede a carico del cliente appena 35 euro di tassa ipotecaria per l’iscrizione della surroga nei registri immobiliari. Se prendiamo in esame gli altri 44 istituti, i limiti posti alla surroga non sono economici ma normativi.

È stata vietata la trasferibilità se il capitale residuo è inferiore a una certa cifra, che va dai 30mila ai 100mila euro, in base alle banche. Altri limiti hanno riguardsato la durata, niente surroga se inferiore a 5 o 6 anni. Oppure anche se il mutuo è iniziato da un certo periodo, che va da 6 a 36 mesi.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Portabilità mutuo ipotecario: un vantaggio per cambiare tasso Portabilità mutuo ipotecario: come funziona? Quali sono le potenzialità di questa scelta? L’espressione più efficace della portabilità mutuo ipotecario è costituita dalla surrogazione. Il riferimento normativo di questo sistema è rappresentato dalla...
Mutui surroga più convenienti del 2015 Mutui surroga più convenienti: boom della surroga nel 2015 Crescita verticale per i mutui surroga, intervento a costo zero che permette di trasferire il proprio finanziamento da un istituto di credito all’altro, modificando così tasso e durata di ri...
Surroga conviene, quando trasferire il mutuo? Surroga conviene: l’incremento delle domande nei primi mesi del 2015 Nel febbraio 2015 si è registrato in Italia il più importante aumento delle richieste di mutuo dal 2008. L’incremento è pari a + 38,7% rispetto a febbraio 2014 e due terzi dei mutu...
Mutuo BNL Affitto Più: Come funziona e recensioni Per chi non sa decidersi tra la scelta di richiedere un mutuo a tasso fisso o un mutuo a tasso variabile, la BNL mette a disposizione un nuovo prodotto di tipo intermedio, che risponde per la prima volta alle esigenze di questa utenza: il Mutuo BNL A...
Come fare la surroga del mutuo e risparmiare 100.000 euro Come fare la surroga del mutuo: perché conviene La surroga del mutuo può essere un intervento effettivamente conveniente. Il motivo è molto semplice. Fino a qualche anno fa, le condizioni di finanziamento erano molto rigide, con rate piuttosto eleva...
Tasso BCE: cos’è? Per cosa viene utilizzato? Cos’è il tasso di interesse BCE e a cosa serve La Banca Centrale Europea (BCE) è l’istituto responsabile della politica monetaria per i 19 Paesi dell'UE che hanno aderito all'euro, formando la cosiddetta "Zona euro". Una delle principali mansioni de...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *