Mutuo cointestato vantaggi e rischi per il cliente

Cointestazione mutuo: una buona alternativa

Il mutuo cointestato rappresenta un’arma a doppio taglio, un prodotto finanziario in grado di risolvere qualche problema, ma anche di creane di altri. I pregi, in particolare, sono due. In primo luogo, consente più facilmente di accedere al finanziamento. E’ raro che una banca rifiuti una cointestazione, poiché due redditi offrono maggiori garanzie rispetto a uno solo.

Dal punto di vista del creditore, un ulteriore beneficio è generato dalla possibilità, in caso di mancato pagamento, di rivalersi indifferentemente su uno o sull’altro debitore. Per quanto riguarda invece il beneficiario della linea di credito, si evidenzia l’indubbio vantaggio di pagare una rata praticamente dimezzata.

Non stupisce, alla luce dei benefit citati (che coinvolgono tutti i contraenti il finanziamento), la diffusione del mutuo cointestato. Prodotti di questo genere sono regolarmente concessi alle coppie, sia sposate che non, ma anche a persone legate da un rapporto di parentela (es. due fratelli) o da una semplice amicizia. Come già anticipato, la banca è abbastanza protetta sul piano legale.

I problemi, per i debitori, sorgono quando il rapporto che lega i due intestatari si rompe, o nell’eventualità in cui una delle due parti debitrici intenda “uscire” dal finanziamento. Cosa accade in questi casi? Come è possibile risolvere eventuali controversie? I metodi ci sono, anche se possono risultare a primo acchito poco praticabili.

Mutuo: i problemi relativi alla cointestazione

I metodi sono due. In primo luogo, la vendita della casa. Si tratta di una alternativa con ampie capacità di risoluzione perché la cessione a terzi dell’immobile oggetto di mutuo cointestato annulla di fatto l’ipoteca (elemento che caratterizza questo prodotto finanziario).

Le cose si complicano nel caso in cui alla cointestazione del mutuo non corrisponda una comproprietà dell’immobile, ma si tratta di casi borderline, che spesso precludono a priori l’accesso al finanziamento. Ad ogni modo, la vendita non costituisce un metodo di disimpegno molto praticato: implica la necessità, per entrambi i coniugi, di cercare una nuova sistemazione.

L’altra soluzione consiste nel chiedere, e ottenere, la surroga del mutuo. Si tratta di una surroga particolare, praticamente una sostituzione: il cambiamento non coinvolge solo l’entità degli interessi da corrispondere e l’identità del creditore, bensì anche la formula, dal momento che si passa da mutuo cointestato a mutuo “classico”, con la confluenza delle due rate in una unica soluzione.

L’unico problema, se si decide di percorrere questa strada, è costituito dalla liquidazione. Il coniuge che rimane unico intestatario deve fornire all’altro la metà delle rate complessive che sono state versate. Il motivo è evidente: ritirandosi dal processo di rimborso, ha perso il diritto alla comproprietà dell’immobile oggetto del mutuo.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Cos’è e come funziona la portabilità del mutuo? Cos’è e come funziona la portabilità del mutuo? Se consideriamo la portabilità in rapporto a un mutuo, stiamo in realtà facendo riferimento a un procedimento previsto dalla legge numero 40 del 2 aprile 2007, la legge che ha convertito il Decreto Bers...
Surroga mutuo tasso fisso e gli interventi della BCE Surroga mutui: gli unici a crescere veramente Grazie al cambiamento del contesto finanziario, il credit crunch potrebbe essere presto sconfitto. Il termometro per eccellenza, in questi casi, è rappresentato dal mercato immobiliare e nella fattispeci...
Surrogazione mutuo: cos’è e come richiederla Surrogazione mutuo: a chi si rivolge La surrogazione mutuo, detta anche più semplicemente surroga, definisce un intervento semplificato che consente al mutuatario di trasferire il proprio finanziamento presso un nuovo istituto di credito godendo cos...
Surroga mutuo penali: l’Europa vuole ripristinarle Surroga mutuo: una salvezza per molti cittadini In un periodo di stretta al credito come quello iniziato nel 2009 (e che a tutt’oggi non può dirsi concluso) la surroga del mutuo ha rappresentato un’ancora di salvezza sia per i creditori che per i de...
Surroga mutuo tempi minimi e costi aggiuntivi Surroga mutuo tempi minimi e costi aggiuntivi: guida al credito. Sempre più di frequente, dopo l’accensione di un mutuo con un istituto bancario, il debitore desidera cambiare banca e surrogare quindi il mutuo contratto con il nuovo istituto. Ma dopo...
Prestito casa, perché sceglierlo al posto del mutuo? Prestito casa: quali vantaggi offre È la stipula del mutuo ipotecario il passaggio preliminare all’acquisto della prima casa, ma non si tratta dell’unico prodotto finanziario disponibile. Sul mercato si sta affermando il prestito casa, finanziamento...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *