Spese acquisto casa calcolo: i costi fissi da considerare

Spese acquisto casa notaio e tasse

Quando si decide di acquistare una casa sono molte le spese da tenere in considerazione. oltre al costo dell’immobile, infatti, è necessario far fronte a imposte ed oneri notarili legati al contratto. Non tutti sanno però sanno a quanto possano effettivamente ammontare tali spese, vediamo quindi quali sono le procedure da svolgere e i costi legati all’acquisto di una casa.

La compravendita immobiliare è l’accordo formale attraverso il quale il venditore trasferisce all’acquirente, la proprietà di un immobile a fronte del pagamento pattuito. L’atto di compravendita, detto anche rogito, viene normalmente stipulato di fronte a un notaio ed è redatto in forma pubblica. Per questo è necessario il pagamento di una parcella che in linea di massima va da 1500 a 4 mila euro.

L’acquisto di una casa comporta inoltre il pagamento di alcune imposte, che variano a seconda della destinazione dell’immobile. Chi acquista la prima casa, ad esempio, può godere di un regime fiscale agevolato con imposte in misura inferiore rispetto a quelle ordinariamente previste. Ma questo non è tutto. Il carico fiscale varia anche in base al soggetto venditore (privato, agenzia, cooperativa, ecc.). Ma vediamo nel dettaglio le imposte previste.

Spese acquisto casa da privato o impresa

Chi acquista la prima casa da un privato è esente dal pagamento dell’IVA, ma deve corrispondere:

  • imposta di registro del 2%
  • imposta ipotecaria di 50 euro
  • imposta catastale di 50 euro.

Se l’immobile è registrato al catasto come casa di lusso (ossia rientra nelle categorie A/1, A/8 o A/9) l’imposta di registro è del 9%.

Acquistando la prima casa da un’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) entro 5 anni dall’ultimazione lavori, invece, sono dovute:

  • IVA al 4%
  • imposta di registro pari a 200 euro
  • imposta ipotecaria fissa di 200 euro
  • imposta catastale fissa di 200 euro.

Chi acquista da un’impresa diversa da quella costruttrice, che non ha eseguito lavori di ristrutturazione, restauro o risanamento, o dall’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) ma dopo 5 anni all’ultimazione dei lavori, non è tenuto al pagamento dell’IVA. Sono tuttavia previste le seguenti tasse:

  • imposta di registro del 2%
  • imposta ipotecaria fissa di 50 euro
  • imposta catastale fissa di 50 euro.

Spese acquisto casa: tasse previste per la seconda casa

Nei casi un cui il contratto di compravendita ha come oggetto un immobile ad uso abitativo diverso dalla prima casa, le imposte variano ulteriormente. Se si acquista da un privato, da un’impresa “non costruttrice” che non ha eseguito lavori, o da un’impresa costruttrice dopo 5 anni dall’ultimazione dei lavori sono previste le seguenti imposte:

  • imposta di registro del 9%
  • imposta ipotecaria di 50 euro
  • imposta catastale di 50 euro

Se, invece, il venditore è un’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) che vende entro 5 anni dalla data di conclusione dei lavori, sono dovute:

  • IVA al 10% (22% se immobile di lusso)
  • imposta di registro di 200 euro
  • imposta ipotecaria di 200 euro
  • imposta catastale di 200 euro.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Surroga mutuo da fisso a variabile, è questo il momento giusto Perché scegliere la surroga mutuo da fisso a variabile? L’attuale clima economico deflattivo dell’Eurozona ha condotto la BCE a una riduzione dei tassi. Ragione che rende appetibili i mutui a tasso variabile, più convenienti in rapporto a quelli a t...
Mutuo cointestato vantaggi e rischi per il cliente Cointestazione mutuo: una buona alternativa Il mutuo cointestato rappresenta un’arma a doppio taglio, un prodotto finanziario in grado di risolvere qualche problema, ma anche di creane di altri. I pregi, in particolare, sono due. In primo luogo, con...
Confronta surroga mutuo, la ricerca dell’offerta migliore Confronta surroga mutuo: come trovare la surroga più conveniente La surroga di un mutuo, detta anche portabilità, è la procedura di trasferimento di un mutuo da una banca a un’altra. I mutuatari si avvalgono delle surroghe per poter beneficiare dell...
Calcolo spese notarili: cosa sapere prima di acquistare casa Il calcolo spese notarili è un passaggio fondamentale quando si progetta l’acquisto di una casa e si ha intenzione di tenere sotto controllo ogni voce per verificarne la sostenibilità. Risorse legali: i compiti del notaio Per avere le idee chiare s...
Mercato immobiliare in ripresa: prezzi bassi e più mutui concessi Settore immobiliare: gli ultimi dati Il mercato immobiliare è il primo settore a essere influenzato dal ciclo economico. E’ un vero e proprio termometro della situazione economica. Da questo punto di vista, gli ultimi dati sul mercato immobiliare se...
Mercato mutui 2015, Abi: boom erogazioni, 26,6 miliardi Mercato mutui 2015: superate le aspettative Sembra che il problema della stretta al credito, che è andato crescendo di pari passo con l’inasprirsi della crisi economica, sia ormai storia passata. A suggerlo è l’Abi, che a fine agosto ha pubblicato i...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *