Spese acquisto casa calcolo: i costi fissi da considerare

Spese acquisto casa notaio e tasse

Quando si decide di acquistare una casa sono molte le spese da tenere in considerazione. oltre al costo dell’immobile, infatti, è necessario far fronte a imposte ed oneri notarili legati al contratto. Non tutti sanno però sanno a quanto possano effettivamente ammontare tali spese, vediamo quindi quali sono le procedure da svolgere e i costi legati all’acquisto di una casa.

La compravendita immobiliare è l’accordo formale attraverso il quale il venditore trasferisce all’acquirente, la proprietà di un immobile a fronte del pagamento pattuito. L’atto di compravendita, detto anche rogito, viene normalmente stipulato di fronte a un notaio ed è redatto in forma pubblica. Per questo è necessario il pagamento di una parcella che in linea di massima va da 1500 a 4 mila euro.

L’acquisto di una casa comporta inoltre il pagamento di alcune imposte, che variano a seconda della destinazione dell’immobile. Chi acquista la prima casa, ad esempio, può godere di un regime fiscale agevolato con imposte in misura inferiore rispetto a quelle ordinariamente previste. Ma questo non è tutto. Il carico fiscale varia anche in base al soggetto venditore (privato, agenzia, cooperativa, ecc.). Ma vediamo nel dettaglio le imposte previste.

Spese acquisto casa da privato o impresa

Chi acquista la prima casa da un privato è esente dal pagamento dell’IVA, ma deve corrispondere:

  • imposta di registro del 2%
  • imposta ipotecaria di 50 euro
  • imposta catastale di 50 euro.

Se l’immobile è registrato al catasto come casa di lusso (ossia rientra nelle categorie A/1, A/8 o A/9) l’imposta di registro è del 9%.

Acquistando la prima casa da un’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) entro 5 anni dall’ultimazione lavori, invece, sono dovute:

  • IVA al 4%
  • imposta di registro pari a 200 euro
  • imposta ipotecaria fissa di 200 euro
  • imposta catastale fissa di 200 euro.

Chi acquista da un’impresa diversa da quella costruttrice, che non ha eseguito lavori di ristrutturazione, restauro o risanamento, o dall’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) ma dopo 5 anni all’ultimazione dei lavori, non è tenuto al pagamento dell’IVA. Sono tuttavia previste le seguenti tasse:

  • imposta di registro del 2%
  • imposta ipotecaria fissa di 50 euro
  • imposta catastale fissa di 50 euro.

Spese acquisto casa: tasse previste per la seconda casa

Nei casi un cui il contratto di compravendita ha come oggetto un immobile ad uso abitativo diverso dalla prima casa, le imposte variano ulteriormente. Se si acquista da un privato, da un’impresa “non costruttrice” che non ha eseguito lavori, o da un’impresa costruttrice dopo 5 anni dall’ultimazione dei lavori sono previste le seguenti imposte:

  • imposta di registro del 9%
  • imposta ipotecaria di 50 euro
  • imposta catastale di 50 euro

Se, invece, il venditore è un’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) che vende entro 5 anni dalla data di conclusione dei lavori, sono dovute:

  • IVA al 10% (22% se immobile di lusso)
  • imposta di registro di 200 euro
  • imposta ipotecaria di 200 euro
  • imposta catastale di 200 euro.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Come avviene il cambio mutuo da variabile a fisso? Come avviene il cambio mutuo da variabile a fisso? Sfruttando la Legge Bersani, a partire dal 2009, si ha la facoltà di ricorrere alla surroga mutuo. Un processo che ha avuto per protagonista un terzo di tutte le operazioni di mutuo nel nostro Paese....
Surroga significato: definizione e peculiarità operative Quando parliamo di surroga significato inquadriamo un principio del Codice Civile che nel 2007 è stato esteso anche all’ambito immobiliare e in particolare alla questione dei mutui. Surroga significato giuridico: tutto quello che c’è da sapere Per ...
Mutui di surroga 2015: domande ancora in crescita Mutui di surroga 2015: perché scegliere la surroga La surroga ha registrato un grande apprezzamento in termini di richieste nell’ultimo anno e mezzo. Merito di una riduzione dei tassi determinata dalle nuove politiche monetarie della BCE (Banca Cent...
Surroga mutuo per società: cosa accade in questo caso? Surroga mutuo per società: cosa accade in questo caso? La legge Bersani Bis, nella sua versione definitiva, prevede una collocazione della norma relativa alla portabilità diversa dal disegno di legge originario. È stata quindi trasferita dal capo II ...
Quando richiedere il rifinanziamento mutuo? Rifinanziamento mutuo: cos'è? Quando conviene? Il rifinanziamento del mutuo consiste nell'estinzione del debito contratto, che viene sostituito con un nuovo finanziamento sottoscritto presso un diverso istituto di credito. Rifinanziare un mutuo perm...
Quali sono i vantaggi della surroga mutuo? Quali sono i vantaggi della surroga mutuo? In cosa consiste? Il mutuo è senza dubbio la linea di credito più utilizzata dagli italiani per l'acquisto e la ristrutturazione di immobili. Tuttavia sono in pochi i soggetti che, al momento della sottoscr...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *