Spese acquisto casa calcolo: i costi fissi da considerare

Spese acquisto casa notaio e tasse

Quando si decide di acquistare una casa sono molte le spese da tenere in considerazione. oltre al costo dell’immobile, infatti, è necessario far fronte a imposte ed oneri notarili legati al contratto. Non tutti sanno però sanno a quanto possano effettivamente ammontare tali spese, vediamo quindi quali sono le procedure da svolgere e i costi legati all’acquisto di una casa.

La compravendita immobiliare è l’accordo formale attraverso il quale il venditore trasferisce all’acquirente, la proprietà di un immobile a fronte del pagamento pattuito. L’atto di compravendita, detto anche rogito, viene normalmente stipulato di fronte a un notaio ed è redatto in forma pubblica. Per questo è necessario il pagamento di una parcella che in linea di massima va da 1500 a 4 mila euro.

L’acquisto di una casa comporta inoltre il pagamento di alcune imposte, che variano a seconda della destinazione dell’immobile. Chi acquista la prima casa, ad esempio, può godere di un regime fiscale agevolato con imposte in misura inferiore rispetto a quelle ordinariamente previste. Ma questo non è tutto. Il carico fiscale varia anche in base al soggetto venditore (privato, agenzia, cooperativa, ecc.). Ma vediamo nel dettaglio le imposte previste.

Spese acquisto casa da privato o impresa

Chi acquista la prima casa da un privato è esente dal pagamento dell’IVA, ma deve corrispondere:

  • imposta di registro del 2%
  • imposta ipotecaria di 50 euro
  • imposta catastale di 50 euro.

Se l’immobile è registrato al catasto come casa di lusso (ossia rientra nelle categorie A/1, A/8 o A/9) l’imposta di registro è del 9%.

Acquistando la prima casa da un’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) entro 5 anni dall’ultimazione lavori, invece, sono dovute:

  • IVA al 4%
  • imposta di registro pari a 200 euro
  • imposta ipotecaria fissa di 200 euro
  • imposta catastale fissa di 200 euro.

Chi acquista da un’impresa diversa da quella costruttrice, che non ha eseguito lavori di ristrutturazione, restauro o risanamento, o dall’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) ma dopo 5 anni all’ultimazione dei lavori, non è tenuto al pagamento dell’IVA. Sono tuttavia previste le seguenti tasse:

  • imposta di registro del 2%
  • imposta ipotecaria fissa di 50 euro
  • imposta catastale fissa di 50 euro.

Spese acquisto casa: tasse previste per la seconda casa

Nei casi un cui il contratto di compravendita ha come oggetto un immobile ad uso abitativo diverso dalla prima casa, le imposte variano ulteriormente. Se si acquista da un privato, da un’impresa “non costruttrice” che non ha eseguito lavori, o da un’impresa costruttrice dopo 5 anni dall’ultimazione dei lavori sono previste le seguenti imposte:

  • imposta di registro del 9%
  • imposta ipotecaria di 50 euro
  • imposta catastale di 50 euro

Se, invece, il venditore è un’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) che vende entro 5 anni dalla data di conclusione dei lavori, sono dovute:

  • IVA al 10% (22% se immobile di lusso)
  • imposta di registro di 200 euro
  • imposta ipotecaria di 200 euro
  • imposta catastale di 200 euro.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Mutuo e Surroga: riduzione tasso e durata, ora conviene Mutuo e surroga 2015: perché scegliere surroga o rinegoziazione Il volano del mercato mutui 2015 è la surroga, intervento che permette di traferire il proprio debito residuo presso una nuova banca, modificando così tassi di interesse e durata del pi...
Mutuo BNL Affitto Più: Come funziona e recensioni Per chi non sa decidersi tra la scelta di richiedere un mutuo a tasso fisso o un mutuo a tasso variabile, la BNL mette a disposizione un nuovo prodotto di tipo intermedio, che risponde per la prima volta alle esigenze di questa utenza: il Mutuo BNL A...
Surroga mutuo da fisso a variabile, è questo il momento giusto Perché scegliere la surroga mutuo da fisso a variabile? L’attuale clima economico deflattivo dell’Eurozona ha condotto la BCE a una riduzione dei tassi. Ragione che rende appetibili i mutui a tasso variabile, più convenienti in rapporto a quelli a t...
Come funziona la sostituzione mutuo più liquidità? Come funziona la sostituzione mutuo più liquidità? La sostituzione mutuo più liquidità costituisce una soluzione per quanti hanno già attivato un mutuo per la propria abitazione e intendono sostituirlo con uno più conveniente e hanno bisogno di una l...
Surroga mutuo tasso variabile, la proposta di IWBank Surroga mutuo tasso variabile, la proposta di IWBank. IWMutuo Surroga permette di conseguire la surroga del vostro precedente mutuo. IWBank presenta mutui sia a tasso fisso che variabile che permettono di ridefinire un mutuo acceso in precedenza. ...
Cos’è la surroga mutuo assicurazione? Qual è la normativa? Cos’è la surroga mutuo assicurazione? Qual è la normativa? Disponete di un mutuo e volte richiedere la surroga per completare il passaggio a un altro istituto di credito? È possibile pretendere il rimborso dei premi pagati e non usufruiti relativamen...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *