Spese acquisto casa calcolo: i costi fissi da considerare

Spese acquisto casa notaio e tasse

Quando si decide di acquistare una casa sono molte le spese da tenere in considerazione. oltre al costo dell’immobile, infatti, è necessario far fronte a imposte ed oneri notarili legati al contratto. Non tutti sanno però sanno a quanto possano effettivamente ammontare tali spese, vediamo quindi quali sono le procedure da svolgere e i costi legati all’acquisto di una casa.

La compravendita immobiliare è l’accordo formale attraverso il quale il venditore trasferisce all’acquirente, la proprietà di un immobile a fronte del pagamento pattuito. L’atto di compravendita, detto anche rogito, viene normalmente stipulato di fronte a un notaio ed è redatto in forma pubblica. Per questo è necessario il pagamento di una parcella che in linea di massima va da 1500 a 4 mila euro.

L’acquisto di una casa comporta inoltre il pagamento di alcune imposte, che variano a seconda della destinazione dell’immobile. Chi acquista la prima casa, ad esempio, può godere di un regime fiscale agevolato con imposte in misura inferiore rispetto a quelle ordinariamente previste. Ma questo non è tutto. Il carico fiscale varia anche in base al soggetto venditore (privato, agenzia, cooperativa, ecc.). Ma vediamo nel dettaglio le imposte previste.

Spese acquisto casa da privato o impresa

Chi acquista la prima casa da un privato è esente dal pagamento dell’IVA, ma deve corrispondere:

  • imposta di registro del 2%
  • imposta ipotecaria di 50 euro
  • imposta catastale di 50 euro.

Se l’immobile è registrato al catasto come casa di lusso (ossia rientra nelle categorie A/1, A/8 o A/9) l’imposta di registro è del 9%.

Acquistando la prima casa da un’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) entro 5 anni dall’ultimazione lavori, invece, sono dovute:

  • IVA al 4%
  • imposta di registro pari a 200 euro
  • imposta ipotecaria fissa di 200 euro
  • imposta catastale fissa di 200 euro.

Chi acquista da un’impresa diversa da quella costruttrice, che non ha eseguito lavori di ristrutturazione, restauro o risanamento, o dall’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) ma dopo 5 anni all’ultimazione dei lavori, non è tenuto al pagamento dell’IVA. Sono tuttavia previste le seguenti tasse:

  • imposta di registro del 2%
  • imposta ipotecaria fissa di 50 euro
  • imposta catastale fissa di 50 euro.

Spese acquisto casa: tasse previste per la seconda casa

Nei casi un cui il contratto di compravendita ha come oggetto un immobile ad uso abitativo diverso dalla prima casa, le imposte variano ulteriormente. Se si acquista da un privato, da un’impresa “non costruttrice” che non ha eseguito lavori, o da un’impresa costruttrice dopo 5 anni dall’ultimazione dei lavori sono previste le seguenti imposte:

  • imposta di registro del 9%
  • imposta ipotecaria di 50 euro
  • imposta catastale di 50 euro

Se, invece, il venditore è un’impresa costruttrice (o di ristrutturazione) che vende entro 5 anni dalla data di conclusione dei lavori, sono dovute:

  • IVA al 10% (22% se immobile di lusso)
  • imposta di registro di 200 euro
  • imposta ipotecaria di 200 euro
  • imposta catastale di 200 euro.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

La surroga mutuo conviene davvero? E se sì, perché? Surroga del mutuo: uno strumento in ascesa E’ indubbio: il ricorso alla surroga del mutuo è notevolmente aumentato in questi anni. Il merito di ciò va sicuramente alla volontà di competere delle banche, che hanno trovato nella surroga una buona arma...
Surroga significato: definizione e peculiarità operative Quando parliamo di surroga significato inquadriamo un principio del Codice Civile che nel 2007 è stato esteso anche all’ambito immobiliare e in particolare alla questione dei mutui. Surroga significato giuridico: tutto quello che c’è da sapere Per ...
Surroga mutuo seconda volta Surroga mutuo seconda volta: è sempre possibile? Quante volte si può surrogare un mutuo? Come stabilito dalla legge Bersani bis, L. 40/2007 la surroga, o portabilità del mutuo, non è altro che la sostituzione di un mutuo già in essere con un altro p...
Surroga mutuo tasso fisso e gli interventi della BCE Surroga mutui: gli unici a crescere veramente Grazie al cambiamento del contesto finanziario, il credit crunch potrebbe essere presto sconfitto. Il termometro per eccellenza, in questi casi, è rappresentato dal mercato immobiliare e nella fattispeci...
Legge Bersani surroga mutui: cambiare banca a costo zero Legge Bersani surroga mutui: come procedere per trasferire il finanziamento Legge n. 40 del 2 aprile 2007, meglio nota come Legge Bersani, ha esteso il concetto di surroga, dapprima utilizzato principalmente per i contratti telefonici, al settore de...
Surroga del mutuo costi Surroga del mutuo costi: quali i vantaggi, come risparmiare Le variabili di mercato possono cambiare e le condizioni cui è sottoscritto il contratto di mutuo possono non risultare più convenienti. Invece di sostenere una rata eccessivamente elevata ...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *