Surroga mutuo Inpdap regolamento

Surroga mutuo Inpdap regolamento: a chi sono rivolti

Il Decreto Salva Italia varato dal Governo Monti ha definito la soppressione dell’Inpdap, che a gennaio 2012 è stato accorpato all’Inps. Tutte le prestazioni rivolte agli iscritti della pubblica amministrazione sono quindi di competenza dell’Inps che, tramite la Gestione Dipendenti Pubblici, garantisce agli iscritti i servizi erogati in precedenza dall’Inpdap.

Tra questi troviamo i finanziamenti Inpdap, linee di credito a condizioni agevolate dedicate a pensionati e dipendenti della pubblica amministrazione. I prestiti Inpdap si dividono in: piccoli prestiti, prestiti pluriennali e mutui ipotecari.

I mutui Inpdap sono finanziamenti a tassi agevolati finalizzati all’acquisto di unità abitative non di lusso destinate a diventare la residenza dell’iscritto o per la surroga di mutui prima casa sottoscritti con istituti di credito.

Surroga mutuo Inpdap regolamento: condizioni contrattuali

Il regolamento mutui Inpdap stabilisce che i finanziamenti possano avere un piano di rimborso strutturato in 10, 15, 20, 25 o 30 anni. L’importo massimo finanziabile è pari a 300 mila euro. I mutui Inpdap sono concessi solo agli iscritti alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali da almeno tre anni.

Il tasso di interesse applicato può essere fisso o variabile. Nel caso si sottoscriva un mutuo a tasso fisso si avrà un Tan del 3,75% per tutto il periodo di rimborso, mentre i mutui a tasso variabile prevedono un Tan fisso (3,50%) per il primo anno di ammortamento e variabile per il resto dell’ammortamento.

La presentazione delle domande deve avvenire per via telematica nelle finestre temporali stabilite: dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre di ogni anno.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Rinegoziazione, surroga e sostituzione: quale scegliere? Cos’è la rinegoziazione mutuo La sottoscrizione di un mutuo per l’acquisto della prima casa è una pratica all’ordine del giorno nel nostro paese. Capita spesso però che durante l’ammortamento, il beneficiario desideri modificare le condizioni del mu...
Sostituzione mutuo prima casa agevolazioni fiscali Sostituzione mutuo prima casa agevolazioni fiscali: quali sono i benefici previsti? Nel novero delle spese che possono essere detratte dal reddito vi sono anche gli interessi e le spese dei mutui ipotecari. La normativa fa riferimento ai finanziament...
Mutui di surroga 2015: domande ancora in crescita Mutui di surroga 2015: perché scegliere la surroga La surroga ha registrato un grande apprezzamento in termini di richieste nell’ultimo anno e mezzo. Merito di una riduzione dei tassi determinata dalle nuove politiche monetarie della BCE (Banca Cent...
Mutui per giovani prima casa Mutui per giovani senza lavoro fisso Il Fondo prima casa garantisce i mutui che coprono fino al 100% del valore immobiliare. Una buona notizia per le giovani coppie e i lavoratori precari che vogliono comprare casa. A renderlo noto è la Banca d'Ital...
Tasso fisso o variabile: pro e contro, ecco quale scegliere Mutuo a tasso fisso o variabile: il calcolo La scelta più importante che chi intende stipulare un mutuo è chiamato a compiere riguarda la natura del tasso. La domanda è sempre la stessa: tasso fisso o variabile? La decisione influisce in maniera net...
Surroga mutuo cambio garante: quando è possibile? Surroga mutuo cambio garante con fideiussione extracontrattuale Spesso per ottenere un mutuo è necessario ricorrere alla figura di un garante, un soggetto che si assume l’impegno di rimborsare il debito contratto in caso di insolvenza da parte del t...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *