Surroga mutuo Inpdap

A chi è rivolta la surroga del mutuo inps inpdap?

La surroga mutuo Inpdap (conosciuta anche come surrogazione del mutuo) ci si riferisce ai mutui ipotecari degli immobili riservati ai dipendenti e pensionati ex Inpdap. Si tratta di una possibilità che l’Inps (ex Inpdap) dà all’utente di spostare un mutuo ipotecario su un immobile acquistato dal cliente, dalla banca all’ente previdenziale, che si prenderà la responsabilità di saldare il debito restante mentre il cliente si impegnerà a pagare le rate del mutuo con le nuove condizioni che l’Inps offre: si avranno tassi migliori senza costi aggiuntivi.Si tratta di una possibilità del tutto gratuita prevista con il Decreto Bersani del 2007. La vecchia banca non potrà opporsi alla volontà del debitore e non potrà addebitare nessun costo per il trasferimento del debito.

Richiedere la surroga mutuo Inpdap significa poter cambiare la banca e sottoscrivere un nuovo contratto con un’altra banca senza nessun tipo di conseguenze: anzi si avranno sicuramente più agevolazioni.

Quando si può ricevere la concessione della surroga mutuo Inpdap?

La si può ottenere secondo alcuni requisiti:

  • l’immobile dev’essere libero e sito nel territorio italiano;
  • l’immobile non dev’essere classificato come casa di lusso secondo il decreto ministeriale 1072/1969. Può trattarsi solo dell’acquisto di una prima casa o di un box o in fase di ristrutturazione;
  • il cliente e i membri della famiglia non possono essere proprietari di un’altra abitazione: condizione revocata in casi eccezionali;
  • l’immobile non deve essere gravato da garanzie reali (pegno, ipoteca, privilegi);
  • l’iscritto e il suo nucleo familiare devono trasferire la loro residenza nella stessa casa;

L’importo del finanziamento deve rientrare nei limiti fissati dal regolamento (300.000 euro per l’acquisto o la costruzione della prima casa, 150.000 euro per lavori di ristrutturazione, 75.000 euro per un box auto).

Come richiedere la surroga mutuo Inpdap?

Per ottenerla bisogna avere presentare dei documenti:

  • la domanda all’Inps;
  • compilare i moduli rilasciati e scaricabili anche dal sito dell’ente.

La domanda dev’essere presentata a seconda del periodo perché in base al quadrimestre cambia.

  • dal 1 al 10 gennaio per il 1° quadrimestre (gennaio-aprile);
  • dal 1 al 10 maggio per il 2° quadrimestre (maggio-agosto);
  • dal 1 al 10 settembre per il 3° quadrimestre (settembre-dicembre).

La domanda sarà accettata solo se ci saranno i fondi in quanto l’ente eroga i finanziamenti in base alla disponibilità finanziaria quadrimestrale del Fondo di Credito che vengono ripartite tra le varie regioni: in mancanza di fondi, la domanda, sarà inserita in graduatoria anche se rispetta i requisiti.

Come presentare domanda e documenti per la surroga mutuo Inpdap.

La domanda va effettuata on line nell’area riservata agli iscritti a cui si accede tramite il codice fiscale ed il pin. Dev’essere compilata in ogni parte e deve contenere anche le dichiarazioni sostitutive di certificazione previste e tutta la documentazione richiesta.

Quando il termine di presentazione sarà scaduto il direttore comunicherà entro 5 le disponibilità finanziarie in base al comune di residenza: nel caso si andrà in graduatoria mentre se deve proseguire con la presentazione della domanda, entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione da parte del direttore, deve presentare alcuni documenti: perizia giurata attestante la regolarità catastale, urbanistico-edilizia ed energetica relativa all’immobile con una relazione notarile preliminare. L’Inps, comunicherà con il richiedente attraverso l’e-mail rilasciata al momento della presentazione della domanda stessa;

I modelli dei documenti possono essere scaricati on line in formato pdf cliccando sul link.

I documenti sono:

– Mod. 1: acquisto di nuova costruzione da impresa;

– Mod.2A: acquisto da privato ante 1967;

– Mod. 2B: acquisto da privato;

– Mod. 3A: acquisto da ente pubblico ante 1967;

– Mod. 3B: acquisto da ente pubblico;

– Mod. 4A: acquisto da asta proveniente da ente pubblico ante 1967;

– Mod. 4B: acquisto da asta provenienti da ente pubblico;

– Mod. 5: acquisto di nuova costruzione da cooperativa;

– Mod. 6A: costruzione in proprio – completamento – ampliamento prima rata;

– Mod. 6B: costruzione in proprio – completamento – ampliamento saldo;

– Mod. 7A: acquisto box e posto auto ante 1967;

– Mod. 7B: acquisto box e posto auto;

– Mod. 7C: costruzione in proprio box auto prima rata;

– Mod. 7D: costruzione in proprio box auto saldo;

– Mod. 8A: estinzione preesistente mutuo ipotecario ante 1967 senza APE;

– Mod. 8B: estinzione preesistente mutuo ipotecario;

– Mod. 9A: ristrutturazione ante 1967;

– Mod. 9B: ristrutturazione.

 

I destinatari della surroga mutuo Inpdap.

Può essere richiesto da:

– dipendenti pubblici e statali in servizio iscritti alla gestione unitaria con un’anzianità di iscrizione non inferiore ad 1 anno e dai titolari di un contratto di lavoro a tempo indeterminato al momento della presentazione della domanda;

– pensionati pubblici e statali iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

I tempi di erogazione della surroga mutuo Inpdap.

Nel caso ci sia un budget sufficiente per soddisfare tutte le richieste, il direttore della sede Inps di competenza deve entro 15 giorni, controllare se i documenti presentati abbiano tutti i requisiti giusti, disporre la perizia dell’immobile (effettuata dai tecnici dell’INPS) per estimare un importo che dev’essere presentata al direttore entro 15 giorni dal ricevimento dell’incarico.

Nel caso la richiesta non venga accettata, il direttore, deve comunicare al richiedente spiegando il motivo del rifiuto: nel caso si potrà fare ricorso entro 15 giorni dal momento del rifiuto stesso ed il direttore avrà 5 giorni per rispondere dal ricorso. Mentre se non c’è budget sufficiente viene redatta una graduatoria ed entro 15 giorni dalla presentazione della stessa si può fare ricorso: il direttore, sempre entro 15 giorni deve rispondere. Dopo aver ricevuto la perizia, se tutti i requisiti sono rispettati, il direttore dispone la concessione del mutuo e può avvisare il richiedente.

I migliori portali INPDAP nel web

Relativamente al settore creditizio INPDAP, vi elenchiamo di seguito i migliori portali dove potrete richiedere un preventivo per i muti inpdap:

 

Conviene o no richiedere la surroga mutuo Inpdap.

Le condizione e i motivi variano a seconda delle persone quindi non si può dare una risposta certa. L’unico consiglio che potrebbe essere giusto è quello di valutare anche altri preventivi con le stesse condizioni (importo e durata) presso altre banche o enti e rendersi conto se c’è validità o meno confrontando tassi, agevolazioni e spese accessorie (spese di amministrazione, polizza di assicurazione, ecc.).

Anticipazioni 2019 della surroga mutuo Inpdap.

Nel 2019 ci sarà molte novità fra cui quelle riguardanti i conto correnti bancari Unicredit con rendimenti maggiori e tassi di Interesse agevolati. Quindi un’ottima opportuni di poter usufruire della surroga mutuo Inpdap.

Il conto deposito Unicredit

Il conto deposito Unicredit si apre gratuitamente e, permette di versare un minimo di 10.000 euro fino ad un massimo di 5 milioni di euro:
Come per altri conti anche nel conto deposito Unicredit c’è un vincolo temporale che si andrà a decidere nel giorno stesso dell’apertura.
Se i soldi si dovranno svincolare prima del termine si dovrà pagare una penale.

Il conto deposito Unicredit ,offre ai clienti molti vantaggi come le spese nulle, la penale da pagare se svincola prima è molto bassa ma allo stesso tempo i tassi d’interessi che trattiene durante l’anno sono molto alti, difatti ammontano al 5%;

Inoltre il conto deposito Unicredit, non prende gli interessi a scadenze definite , ma a fine rapporto;

Anche in questo caso ci sono degli svantaggi in quanto i rendimenti sono molto bassi, infatti per i depositi di 24 mesi , il rendimento loro è dello 0.10%.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Quali sono i migliori mutui surroga a tasso variabile? Quali sono i migliori mutui surroga a tasso variabile giugno 2014? Durante il mese di giugno 2014 i tassi di interesse dei mutui hanno segnato una progressiva riduzione rispetto ai dati del mese precedente. Condizioni che possono rappresentare un ele...
Surroga mutuo con cap Unicredit Surroga mutuo: perché il Cap è importante Quando si parla di muto a tasso variabile, indifferentemente dal fatto che sia surrogato o meno, il discorso più importante è quello sugli indici da cui le rate dipendono. E’ sufficiente che clima dal punto ...
Surroga mutuo IWBank: quali i principali vantaggi associati? Surroga mutuo IWBank: quali i principali vantaggi associati? IWBank presenta mutui a tasso fisso o variabile per procedere con la surroga del mutuo. Insieme al tradizionale rimborso rateale sono presenti anche due innovative modalità di rimborso. ...
Banca Popolare Cremona, le offerte surroga: spread all’1,45% Banca Popolare Cremona mutui: il ruolo della surroga Banca Popolare Cremona fa parte del circuito Banca Popolare, dunque l’offerta dei mutui è molto simile a quella di altri istituti, oltre a essere molto abbondante. Un ruolo di primo piano è ricope...
Surroga mutuo Hello bank: pro e contro dell’offerta Surroga mutuo Hello bank: a chi è rivolta? Quali i requisiti necessari? Hello bank, parte del Gruppo BNP Paribas, ha lanciato una nuova offerta di surroga mutuo rivolta ai lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato, lavoratori autonom...
Mutui prima casa tasso fisso o variabile: i migliori Il mutuo per l’acquisto della prima casa è un investimento importantissimo. Per questo è necessario scegliere con attenzione l’istituto di credito con il quale stipulare il contratto, controllando dettagli come il tasso e lo spread. Come fare? Passan...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *