Surroga mutuo penali: l’Europa vuole ripristinarle

Surroga mutuo: una salvezza per molti cittadini

In un periodo di stretta al credito come quello iniziato nel 2009 (e che a tutt’oggi non può dirsi concluso) la surroga del mutuo ha rappresentato un’ancora di salvezza sia per i creditori che per i debitori. I primi sono riusciti ad attrarre nuovi clienti, i secondi hanno beneficiato di un drastico calo dei tassi degli interessi, dovuto anche alle nuove politiche monetaria espansive della BCE.

La surroga del mutuo consente di trasferire, a costo zero per il cliente, il mutuo dalla banca che l’ha erogato a un nuovo istituto bancario che propone condizioni più convenienti. La prima ragione per cui si decide di surrogare è ovviamente economica. Questo particolare istituto, in passato poco praticato in Italia, ha preso definitivamente piede con la riforma Bersani che ha eliminato le penali. Una banca che ha subito una surroga non può in alcun modo rifarsi sul mutuatario.

Questo fino a oggi. La notizia, davvero cattiva, è che l’Unione Europea sta spingendo per un ripristino delle penali. La surroga mutuo penali potrebbe essere una realtà in Italia, anche perché i massimi organismi comunitari hanno già prodotto una direttiva, la 2014/17, che rischia di sparigliare le carte in tavola, soprattutto a detrimento dei consumatori.

Penali surroga mutuo: cosa cambia per i mutuatari

Cosa dice la direttiva? Semplicemente consente agli Stati di riformare l’istituto della surroga, aggiungendo le penali. Nel caso dell’Italia, ripristinandole. Insomma, si tratta di una arma in più per coloro che nel nostro paese (e non sono pochi) hanno paventato la necessità di un ritorno alla surroga mutuo penali. Molti istituti di credito, infatti, sono stati danneggiati dalla surroga “liberalizzata”, ossia quella regolamenta dal decreto Bersani, che nel 2007 ha per l’appunto vietato le penali. Le lobby bancarie sono forti in Parlamento, dunque potrebbero raggiungere presto il loro obiettivo.

In questo caso, cosa cambierebbe per i consumatori? I danni, soprattutto in presenza di una norma retroattiva (che comunque appare improbabile perché difficile da fare accettare), sarebbero incalcolabili. La precedente normativa, quella che fino a otto anni fa ha disciplinato le surroghe, prevedeva l’imposizione di una penale corrispondente all’1,5% dell’importo del mutuo, in caso di tassi variabili, e al 2,5%, in caso di tassi fissi. In più, si esigeva il pagamento del finanziamento non coperto dalle rate.

Il destino dei consumatori è segnato? Non è detto. Sicuramente, l’ora della verità giungerà presto: la direttiva stabilisce che gli Stati debbano esprimersi in merito alle surroghe entro il 21 marzo 2016. In quella data sapremo se le penali verranno reintrodotte o se i mutuatari potranno continuare a surrogare, e quindi a cercare condizioni favorevoli per i loro finanziamenti.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Detrazione interessi mutuo 2015 Detrazione interessi mutuo 2015: a chi si rivolge Il mutuo è un impegno molto importante, lo è sia per il progetto che permette di realizzare, nella maggior dei casi l’acquisto della prima casa e quindi la costituzione di un proprio nucleo familiare...
Surroga mutuo detrazione interessi 2015 Surroga mutuo detrazione interessi passivi e oneri associati Gli interessi passivi di un mutuo prima casa possono essere detratti dall’Irpef nella misura del 19%. Nella dichiarazione dei redditi sarà quindi possibile detrarre gli interessi passavi d...
Surroga mutuo significato: di cosa si tratta? Surroga mutuo significato: di cosa si tratta? La surrogazione identifica il procedimento che porta all’introduzione di un soggetto terzo che va a sostituire i diritti del creditore nei confronti del debitore. Un risultato realizzato grazie al pagamen...
Spese acquisto casa calcolo: i costi fissi da considerare Spese acquisto casa notaio e tasse Quando si decide di acquistare una casa sono molte le spese da tenere in considerazione. oltre al costo dell’immobile, infatti, è necessario far fronte a imposte ed oneri notarili legati al contratto. Non tutti san...
Surroga mutuo a 5 anni: cos’è l’opzione cambio tasso? Surroga mutuo a 5 anni: ecco i requisiti necessari Mutuo Arancio Surroga Fisso 5 è un finanziamento finalizzato esclusivamente alla surroga, rivolto a tutti i privati residenti in Italia da almeno tre anni. Alla data della scadenza del mutuo il rich...
Quando richiedere il rifinanziamento mutuo? Rifinanziamento mutuo: cos'è? Quando conviene? Il rifinanziamento del mutuo consiste nell'estinzione del debito contratto, che viene sostituito con un nuovo finanziamento sottoscritto presso un diverso istituto di credito. Rifinanziare un mutuo perm...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *