Surroga mutuo penali: l’Europa vuole ripristinarle

Surroga mutuo: una salvezza per molti cittadini

In un periodo di stretta al credito come quello iniziato nel 2009 (e che a tutt’oggi non può dirsi concluso) la surroga del mutuo ha rappresentato un’ancora di salvezza sia per i creditori che per i debitori. I primi sono riusciti ad attrarre nuovi clienti, i secondi hanno beneficiato di un drastico calo dei tassi degli interessi, dovuto anche alle nuove politiche monetaria espansive della BCE.

La surroga del mutuo consente di trasferire, a costo zero per il cliente, il mutuo dalla banca che l’ha erogato a un nuovo istituto bancario che propone condizioni più convenienti. La prima ragione per cui si decide di surrogare è ovviamente economica. Questo particolare istituto, in passato poco praticato in Italia, ha preso definitivamente piede con la riforma Bersani che ha eliminato le penali. Una banca che ha subito una surroga non può in alcun modo rifarsi sul mutuatario.

Questo fino a oggi. La notizia, davvero cattiva, è che l’Unione Europea sta spingendo per un ripristino delle penali. La surroga mutuo penali potrebbe essere una realtà in Italia, anche perché i massimi organismi comunitari hanno già prodotto una direttiva, la 2014/17, che rischia di sparigliare le carte in tavola, soprattutto a detrimento dei consumatori.

Penali surroga mutuo: cosa cambia per i mutuatari

Cosa dice la direttiva? Semplicemente consente agli Stati di riformare l’istituto della surroga, aggiungendo le penali. Nel caso dell’Italia, ripristinandole. Insomma, si tratta di una arma in più per coloro che nel nostro paese (e non sono pochi) hanno paventato la necessità di un ritorno alla surroga mutuo penali. Molti istituti di credito, infatti, sono stati danneggiati dalla surroga “liberalizzata”, ossia quella regolamenta dal decreto Bersani, che nel 2007 ha per l’appunto vietato le penali. Le lobby bancarie sono forti in Parlamento, dunque potrebbero raggiungere presto il loro obiettivo.

In questo caso, cosa cambierebbe per i consumatori? I danni, soprattutto in presenza di una norma retroattiva (che comunque appare improbabile perché difficile da fare accettare), sarebbero incalcolabili. La precedente normativa, quella che fino a otto anni fa ha disciplinato le surroghe, prevedeva l’imposizione di una penale corrispondente all’1,5% dell’importo del mutuo, in caso di tassi variabili, e al 2,5%, in caso di tassi fissi. In più, si esigeva il pagamento del finanziamento non coperto dalle rate.

Il destino dei consumatori è segnato? Non è detto. Sicuramente, l’ora della verità giungerà presto: la direttiva stabilisce che gli Stati debbano esprimersi in merito alle surroghe entro il 21 marzo 2016. In quella data sapremo se le penali verranno reintrodotte o se i mutuatari potranno continuare a surrogare, e quindi a cercare condizioni favorevoli per i loro finanziamenti.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Limiti surroga mutuo: gli impedimenti delle banche Limiti surroga mutuo: gli impedimenti delle banche. Non sempre la concorrenza è benaccetta in ambito bancario, ne costituiscono un’attestazione gli atti di ostruzionismo compiuti nei confronti della legge Bersani 2007, che ha introdotto la portabilit...
Come avviene il trasferimento mutuo su altro immobile? Come avviene il trasferimento mutuo su altro immobile? L’ipoteca dell’immobile è attivata in maniera contestuale all’apertura del mutuo della casa e assicura alla banca il diritto, nell’eventualità di insolvenza, di recuperare il credito mediante la ...
Come cambiare mutuo: pro e contro delle diverse opzioni Come cambiare mutuo: cos’è la surroga mutuo Con la crisi economica sono molti i mutuatari che cercano una soluzione più vantaggiosa per il rimborso del finanziamento in corso. Attualmente la formula di maggior successo sembra essere la surroga, che ...
Tassi surroga mutuo ai minimi storici Tassi surroga mutuo: Quantitative Easing e calo degli spread Le richieste di surroga sono in costante ascesa da almeno 14 mesi, e ciò ha costituito un fattore determinante nel mercato dei mutui. La sostituzione dei mutui costituisce il 36% del valor...
Surroga mutuo cambio garante: quando è possibile? Surroga mutuo cambio garante con fideiussione extracontrattuale Spesso per ottenere un mutuo è necessario ricorrere alla figura di un garante, un soggetto che si assume l’impegno di rimborsare il debito contratto in caso di insolvenza da parte del t...
Acquistare casa con mutuo ipotecario Acquistare casa con mutuo ipotecario: i fattori da prendere in considerare La scelta del mutuo per la propria casa è una decisione che influenza sensibilmente l'andamento economico famigliare. Per scegliere la soluzione di mutuo più adatta alle prop...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *