Surroga o sostituzione, quale scegliere? Quali le differenze?

Meglio surroga o sostituzione: come scegliere

Col passare degli anni la rata del mutuo può diventare insostenibile o, più semplicemente, poco conveniente rispetto alle nuove condizioni offerte dal mercato. Nasce così la necessità di modificare le condizioni applicate al finanziamento in corso, passando ad un nuovo istituto che consente un rimborso meno oneroso. In tal caso i mutuatari possono scegliere tra surroga e sostituzione del mutuo.

Due soluzioni che consentono di modificare il piano di ammortamento del mutuo, trasferendolo presso un nuovo istituito di credito che si fa carico del debito residuo del cliente. Ma quali sono le differenze? Come scegliere quando surrogare e sostituire il mutuo? Vediamo di seguito le caratteristiche di questi due soluzioni finanziarie per la modifica del mutuo.

Surroga o sostituzione del mutuo: quali sono le differenze

Surroga o sostituzione, quale scegliere? La surroga è la pratica che consente di trasferire il mutuo, e la relativa ipoteca, presso un nuovo istituto di credito che si fa carico del debito residuo del mutuatario. Surrogando un finanziamento si ha la possibilità di modificare le condizioni di rimborso, ossia tassodi interesse, spread, frequenza e importo delle rate.

Non è tuttavia possibile ottenere nuova liquidità, poiché il nuovo mutuo deve corrispondere esattamente al debito residuo del mutuo precedente. Uno dei principali vantaggi della surroga è rappresentato dal fatto che la procedura è completamente gratuita per il cliente. Il decreto Bersani del 2007 ha infatti stabilito che tutti gli eventuali oneri siano a carico della banca subentrante.

Per surrogare un mutuo è sufficiente recarsi presso l’istituito in cui si desidera trasferire il finanziamento e richiedere l’avvio della pratica. Dopo aver esaminato la richiesta, l’istituto di credito comunica l’esito della domanda e in caso di accettazione, avvia le pratiche. È bene precisare che la banca designata come subentrante può rifiutarsi di surrogare il mutuo, mentre quella originaria non ha la facoltà di opporsi.

Surroga o sostituzione mutuo: i costi associati al trasferimento

L’alternativa è la sostituzione del mutuo, che a differenza della surroga prevede diversi costi per il mutuatario, il quale si dovrà far carico delle spese relative alla chiusura della vecchia ipoteca e all’apertura della nuova. A differenza della surroga, infatti, la sostituzione non consente il trasferimento dell’ipoteca immobiliare posta a garanzia del mutuo.

Anche in questo caso è possibile modificare tutte le condizioni di rimborso. A dispetto della surroga, però, la sostituzione consente di ottenere nuova liquidità, non essendo legata all’ipoteca immobiliare già esistente. Ricordiamo infine che sia la surroga che sostituzione del mutuo consentono di mantenere l’eventuale detrazione IRPEF goduta dal mutuatario per gli interessi passivi del mutuo prima casa.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Polizze casa: perché sono importanti quando si sceglie il mutuo ipotecario Mutuo polizze casa: una soluzione a beneficio di tutti Acquistare un immobile per i giovani che intendano farsi una famiglia è una vera e propria impresa. Non solo dal punto di vista economico, comunque influente dal momento che raramente una coppia...
Surroga mutui per Aziende: esiste? È un’Operazione Gratuita? Surroga mutui per aziende: esiste? È un’operazione gratuita? La portabilità del mutuo è rappresentata dalla possibilità da parte del cliente di trasferire il mutuo da una banca a un’altra, conseguendo in tal modo condizioni migliori. Abbiamo a che fa...
Agevolazioni mutui prima casa per giovani, le opportunità Acquistare la prima casa quando non si ha la possibilità di presentare garanzie reddituali sufficienti può essere difficili, a meno di non ricorrere ad agevolazioni mutui prima casa per giovani. Agevolazioni mutui prima casa giovani coppie: il Fondo...
Surroga Mutuo vs Rinegoziazione Le differenze tra la surroga mutuo e la rinegoziazione Con il termine surroga mutuo si intende il trasferimento di un finanziamento in corso presso un'altra banca che magari propone tassi più vantaggiosi. Al contrario con rinegoziazione si indica la...
Cos’è la portabilità mutuo chirografario? Cos’è la portabilità mutuo chirografario? Scegliendo la portabilità mutuo chirografario potrete stipulare un finanziamento senza la copertura di alcuna ipoteca, fideiussione o altra garanzia reale. Il piano di rimborso ha come sua unica garanzia la s...
Mutuo tasso fisso: perché e come sceglierlo Cos’è un mutuo tasso fisso Il mutuo è un contratto mediante il quale una banca una finanziaria (mutuante) consegna al cliente (mutuatario) una somma che questo si obbliga a restituire, maggiorata di un interesse, tramite il pagamento di rate periodi...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *