Surrogazione mutuo: cos’è e come richiederla

Surrogazione mutuo: a chi si rivolge

La surrogazione mutuo, detta anche più semplicemente surroga, definisce un intervento semplificato che consente al mutuatario di trasferire il proprio finanziamento presso un nuovo istituto di credito godendo così di condizioni contrattuali migliori. Un’operazione indicata per approfittare di positive congiunture di mercato.

Il richiedente non va a sostenere alcun onere o costo aggiuntivo e la banca di partenza non deve esprimere il suo consenso perché il debitore possa ottenere la surroga. È invece a discrezione del nuovo ente erogatore accettare la domanda di surroga.

La vecchia ipoteca non è cancellata ma trasferita, così come l’importo corrisponde alla somma residua del mutuo di partenza. Possono invece subire modifiche la durata e il tasso del mutuo. Da ciò deriva la potenziale convenienza dell’operazione.

Di surroga ne esistono due tipologie: surroga bilaterale e trilaterale. Nel primo caso è previsto il coinvolgimento della nuova banca, che chiameremo ente surrogante, del debitore e di un separato nonché successivo atto di quietanza.

Dal punto di vista pratico ciò significa che avremo la sottoscrizione di un contratto di mutuo destinato alla surroga (documento che riporta tutte le nuove condizioni economiche) e di un atto unilaterale di quietanza. Quest’ultimo corrisponde a una dichiarazione della banca di partenza che accerta l’estinzione del mutuo grazie alla surroga e la non cancellazione dell’ipoteca. L’atto di quietanza è definito davanti a un notaio, ma non prevede che il debitore sia presente.

Surroga mutuo: surroga trilaterale

Più complessa è la surroga trilaterale. Com’è facile intuire, oltre alla banca surrogante e il debitore è coinvolta direttamente anche la banca surrogata. In questo caso è definito un unico atto notarile che deve contenere:

  • il nuovo contratto di surroga mutuo (con accluse ovviamente tutte le nuove condizioni definite tra ente surrogante e mutuatario)
  • la quietanza di estinzione del mutuo di origine
  • l’impegno alla non cancellazione dell’ipoteca di partenza.

Le soluzioni alternative alla surroga

Un’alternativa alla surroga è costituita dalla sostituzione del mutuo. In questo caso il finanziamento è non trasferito presso un nuovo istituto di credito ma estinto mediante una linea di credito accordata da un altro istituto. Il principale svantaggio risiede nei costi: gli oneri legali (perizia o istruttoria) sono sostenuti dal cliente. Mentre come plus abbiamo la possibilità di sfruttare un maggior numero di prodotti finanziari.

Se invece non volete cambiare banca, potreste preferire la rinegoziazione. Le nuove condizioni del mutuo sono definite tra cliente e banca senza coinvolgere alcun ente terzo. Il mutuatario può presentare alla banca i preventivi stilati dai concorrenti per realizzare una modifica delle condizioni del mutuo. L’istituto di credito sceglie spesso di non perdere il cliente, che può sempre appellarsi alla surroga, e accorda tassi più convenienti.

La surrogazione mutuo, detta anche più semplicemente surroga, definisce un intervento semplificato che consente al mutuatario di traferire il proprio finanziamento presso un nuovo istituto di credito godendo così di condizioni contrattuali migliori. Un’operazione indicata per approfittare di positive congiunture di mercato.

Il richiedente non va a sostenere alcun onere o costo aggiuntivo e la banca di partenza non deve esprimere il suo consenso perché il debitore possa ottenere la surroga. È invece a discrezione del nuovo ente erogatore accettare la domanda di surroga.

La vecchia ipoteca non è cancellata ma trasferita, così come l’importo corrisponde alla somma residua del mutuo di partenza. Possono invece subire modifiche la durata e il tasso del mutuo. Da ciò deriva la potenziale convenienza dell’operazione.

Di surroga ne esistono due tipologie: surroga bilaterale e trilaterale. Nel primo caso è previsto il coinvolgimento della nuova banca, che chiameremo ente surrogante, del debitore e di un separato nonché successivo atto di quietanza.

Dal punto di vista pratico ciò significa che avremo la sottoscrizione di un contratto di mutuo destinato alla surroga (documento che riporta tutte le nuove condizioni economiche) e di un atto unilaterale di quietanza. Quest’ultimo corrisponde a una dichiarazione della banca di partenza che accerta l’estinzione del mutuo grazie alla surroga e la non cancellazione dell’ipoteca. L’atto di quietanza è definito davanti a un notaio, ma non prevede che il debitore sia presente.

Surroga mutuo: surroga trilaterale

Più complessa è la surroga trilaterale. Com’è facile intuire, oltre alla banca surrogante e il debitore è coinvolta direttamente anche la banca surrogata. In questo caso è definito un unico atto notarile che deve contenere:

  • il nuovo contratto di surroga mutuo (con accluse ovviamente tutte le nuove condizioni definite tra ente surrogante e mutuatario)
  • la quietanza di estinzione del mutuo di origine
  • l’impegno alla non cancellazione dell’ipoteca di partenza.

Le soluzioni alternative alla surroga

Un’alternativa alla surroga è costituita dalla sostituzione del mutuo. In questo caso il finanziamento è non trasferito presso un nuovo istituto di credito ma estinto mediante una linea di credito accordata da un altro istituto. Il principale svantaggio risiede nei costi: gli oneri legali (perizia o istruttoria) sono sostenuti dal cliente. Mentre come plus abbiamo la possibilità di sfruttare un maggior numero di prodotti finanziari.

Se invece non volete cambiare banca, potreste preferire la rinegoziazione. Le nuove condizioni del mutuo sono definite tra cliente e banca senza coinvolgere alcun ente terzo. Il mutuatario può presentare alla banca i preventivi stilati dai concorrenti per realizzare una modifica delle condizioni del mutuo. L’istituto di credito sceglie spesso di non perdere il cliente, che può sempre appellarsi alla surroga, e accorda tassi più convenienti.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Mutuo prima casa giovani Per il mutuo prima casa giovani sono previsti degli aiuti dallo Stato, che valgono anche per le famiglie monogenitoriali con figli e per i lavoratori atipici, a patto che i beneficiari abbiano meno di 35 anni. Mutuo: come funziona il Fondo di garanz...
Prestito casa, perché sceglierlo al posto del mutuo? Prestito casa: quali vantaggi offre È la stipula del mutuo ipotecario il passaggio preliminare all’acquisto della prima casa, ma non si tratta dell’unico prodotto finanziario disponibile. Sul mercato si sta affermando il prestito casa, finanziamento...
Mutui agevolati 2015 Mutui agevolati 2015: cosa sono e a chi si rivolgono Prima di sottoscrivere un impegno economico così oneroso come un mutuo, la selezione delle offerte richiede molte tempo perché non è facile stabilire quale sia la proposta effettivamente più conve...
Sostituzione mutuo prima casa agevolazioni fiscali Sostituzione mutuo prima casa agevolazioni fiscali: quali sono i benefici previsti? Nel novero delle spese che possono essere detratte dal reddito vi sono anche gli interessi e le spese dei mutui ipotecari. La normativa fa riferimento ai finanziament...
Mutuo fondiario per l’acquisto della prima casa Cos’è il mutuo fondiario Spesso si sente parlare di mutui per l’acquisto della casa solo in riferimento ai mutui ipotecari, una tipologia di finanziamenti che compone gran parte dell’offerta del settore, ma che non sempre rappresenta la soluzione pi...
Mutui liquidità: come funzionano, le migliori offerte I mutui liquidità sono dei finanziamenti che possono essere richiesti da chi è già proprietario di un immobile non soggetto a ipoteca. Grazie a questi prestiti è possibile ottenere quantità di denaro anche consistenti per le proprie spese personali. ...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *