Tasso fisso o variabile: pro e contro, ecco quale scegliere

Mutuo a tasso fisso o variabile: il calcolo

La scelta più importante che chi intende stipulare un mutuo è chiamato a compiere riguarda la natura del tasso. La domanda è sempre la stessa: tasso fisso o variabile? La decisione influisce in maniera netta sulla rata, ma questo non è l’unico fattore da prendere in considerazione. Occorre in verità fare delle riflessioni in prospettiva futura, intuire – per quanto possibile – cosa riservi il mercato a medio e a lungo termine.

Prima di concedere spazio alla riflessione è necessario, però, comprendere come vengono calcolati il tasso fisso e il tasso variabile, e quindi quali sono gli elementi che li determinano. In entrambi i casi, viene posto un parametro di riferimento, al quale – eventualmente – ne vengono aggiunti altri.

Tasso fisso o variabile per i mutui

Per quanto riguarda il tasso fisso, il parametro – o per meglio dire l’indice – è l’IRS, che riflette l’andamento degli investimenti obbligazionari a medio e lungo termine.

Per quanto riguarda il tasso variabile, invece, l’indice è l’Euribor, che può essere definito come il tasso medio al quale le banche si prestano denaro tra di loro. E’ quindi una sorta di tasso interbancario. Può essere a tre mesi, sei mesi, un anno e così via.

Nella composizione del tasso variabile “da mutuo” viene in genere preso in considerazione l’Euribor a sei mesi. A questo parametro, che può essere anche molto basso (attualmente siamo vicini allo zero) la banca aggancia uno spread, espresso in punti base, che può essere più o meno incisivo, ma che è espresso solitamente nell’ordine delle cento-duecento unità.

Meglio il mutuo a tasso fisso o il mutuo a tasso variabile?

Da un punto di vista logico, è facile rispondere alla domanda “è meglio il tasso fisso o il tasso variabile?”. Dipende dalla scala di priorità di chi chiede il mutuo.

Se assegna un valore molto alto alla sicurezza e alla tranquillità, allora sceglierà il tasso fisso, che in virtù di una rata pesante consente una programmazione a lungo termine circa le proprie voci di spesa. Se invece reputa più importante il risparmio, anche a costo di una certa insicurezza, allora si indirizzerà verso il tasso variabile.

Ma c’è dell’altro. Va preso in considerazione il fattore “futuro”. È necessario prevedere cosa il mercato riserverà, perché a certe condizioni il tasso variabile può dare vita a rate più pesanti rispetto al tasso fisso. È tutta una questione di tassi di riferimento, dalla quale derivano gli indici Euribor.

Attualmente, la scelta tra tasso fisso o variabile è facile, ma solo perché il parametro è vicino allo zero. Ciò vuol dire, però, che nel futuro può solo salire, e quindi la prospettiva è quella di una progressiva perdita di competitività da parte del tasso variabile.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Surroga Mutuo e Spese Notarili: ci sono Costi da sostenere? Surroga Mutuo e Spese Notarili: ci sono Costi da sostenere? La surroga mutuo è un intervento che consente di cambiare un mutuo senza alcun costo. Grazie alla portabilità dell’ipoteca, infatti, possiamo cambiare il proprio mutuo attivandone al suo pos...
Mutuo Inpdap 2018: l’assicurazione è obbligatoria? Una delle forme di finanziamento maggiormente convenienti per l'acquisto o la ristrutturazione della prima casa è indubbiamente fornita dal mutuo INPDAP, ente previdenziale dei dipendenti pubblici assorbito dall'INPS a partire dal 2012. Il mutuo I...
Surroga mutuo tasso variabile, la proposta di IWBank Surroga mutuo tasso variabile, la proposta di IWBank. IWMutuo Surroga permette di conseguire la surroga del vostro precedente mutuo. IWBank presenta mutui sia a tasso fisso che variabile che permettono di ridefinire un mutuo acceso in precedenza. ...
Guida al credito: Vantaggi e consigli pratici Guida al credito: Vantaggi e consigli pratici per la Surroga del mutuo. Quando ci troviamo difronte alla sottoscrizione di un nuovo contratto relativo al proprio mutuo dobbiamo prestare la massima attenzione a diversi elementi. Passiamo in rassegna l...
Surroga Mutuo Persone Giuridiche, Quali le Disposizioni Normative? Surroga mutuo persone giuridiche, quali le disposizioni normative? Nella versione definitiva del decreto legge sono state applicate delle modifiche rispetto al primo disegno di legge sulle norme inerenti alla portabilità. La norma è infatti trasferit...
Spread oggi: come si calcola e perché è importante Spread btp italia/bund 10 anni Il termine Spread viene utilizzato per indicare il differenziale di rendimento offerto da Btp a 10 anni e dall’omologo termine tedesco indicato come Bund. Spread che in realtà potrebbe essere utilizzato per indicare an...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *