Tasso fisso o variabile: pro e contro, ecco quale scegliere

Mutuo a tasso fisso o variabile: il calcolo

La scelta più importante che chi intende stipulare un mutuo è chiamato a compiere riguarda la natura del tasso. La domanda è sempre la stessa: tasso fisso o variabile? La decisione influisce in maniera netta sulla rata, ma questo non è l’unico fattore da prendere in considerazione. Occorre in verità fare delle riflessioni in prospettiva futura, intuire – per quanto possibile – cosa riservi il mercato a medio e a lungo termine.

Prima di concedere spazio alla riflessione è necessario, però, comprendere come vengono calcolati il tasso fisso e il tasso variabile, e quindi quali sono gli elementi che li determinano. In entrambi i casi, viene posto un parametro di riferimento, al quale – eventualmente – ne vengono aggiunti altri.

Tasso fisso o variabile per i mutui

Per quanto riguarda il tasso fisso, il parametro – o per meglio dire l’indice – è l’IRS, che riflette l’andamento degli investimenti obbligazionari a medio e lungo termine.

Per quanto riguarda il tasso variabile, invece, l’indice è l’Euribor, che può essere definito come il tasso medio al quale le banche si prestano denaro tra di loro. E’ quindi una sorta di tasso interbancario. Può essere a tre mesi, sei mesi, un anno e così via.

Nella composizione del tasso variabile “da mutuo” viene in genere preso in considerazione l’Euribor a sei mesi. A questo parametro, che può essere anche molto basso (attualmente siamo vicini allo zero) la banca aggancia uno spread, espresso in punti base, che può essere più o meno incisivo, ma che è espresso solitamente nell’ordine delle cento-duecento unità.

Meglio il mutuo a tasso fisso o il mutuo a tasso variabile?

Da un punto di vista logico, è facile rispondere alla domanda “è meglio il tasso fisso o il tasso variabile?”. Dipende dalla scala di priorità di chi chiede il mutuo.

Se assegna un valore molto alto alla sicurezza e alla tranquillità, allora sceglierà il tasso fisso, che in virtù di una rata pesante consente una programmazione a lungo termine circa le proprie voci di spesa. Se invece reputa più importante il risparmio, anche a costo di una certa insicurezza, allora si indirizzerà verso il tasso variabile.

Ma c’è dell’altro. Va preso in considerazione il fattore “futuro”. È necessario prevedere cosa il mercato riserverà, perché a certe condizioni il tasso variabile può dare vita a rate più pesanti rispetto al tasso fisso. È tutta una questione di tassi di riferimento, dalla quale derivano gli indici Euribor.

Attualmente, la scelta tra tasso fisso o variabile è facile, ma solo perché il parametro è vicino allo zero. Ciò vuol dire, però, che nel futuro può solo salire, e quindi la prospettiva è quella di una progressiva perdita di competitività da parte del tasso variabile.

Altri articoli sulla surroga del mutuo

Mutuo prima casa giovani Per il mutuo prima casa giovani sono previsti degli aiuti dallo Stato, che valgono anche per le famiglie monogenitoriali con figli e per i lavoratori atipici, a patto che i beneficiari abbiano meno di 35 anni. Mutuo: come funziona il Fondo di garanz...
Surrogare mutuo: i casi in cui conviene davvero Surroga mutuo: la moda del momento “Chi lascia la strada vecchia per la nuova…” così inizia un famoso proverbio. Eppure sembra che quanti hanno acceso un mutuo siano ben propensi a cambiare, almeno in questo periodo economico, alimentato dalle nuove...
Surroga mutuo come funziona? Come ottenerla? Surroga mutuo come funziona: come avviene il processo di surrogazione? La surroga del mutuo è l’operazione che permette al mutuatario di può spostare il mutuo contratto con una banca prima in un altro istituto di credito. Tuttavia non si tratta di u...
Mutuo sostituzione ristrutturazione: quello che serve sapere Cos’è il mutuo sostituzione più ristrutturazione? Il mutuo sostituzione più ristrutturazione è un finanziamento rivolto a quanti hanno la necessità di effettuare lavori di ristrutturazione (sia strutturali che estetici) su un immobile già oggetto di...
Surroga mutuo prima casa detrazione interessi Surroga mutuo prima casa detrazione interessi: come funziona? Gli oneri correlati a un mutuo possono ridursi con l’impiego delle detrazioni cui può fruire il beneficiario della linea di credito accordata. Vediamo quali i costi che si possono detrarr...
Mutui agevolati per giovani coppie 2015 I mutui agevolati per giovani consentono di procedere all’acquisto della prima casa usufruendo di particolari incentivi, che possono essere richiesti anche senza la titolarità di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Ecco come orientarsi tra ...

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *